Home Notizie utili LE ACLI PROPONGONO UNA NUOVA SOCIAL CARD

Ultime notizie

Cerca


LE ACLI PROPONGONO UNA NUOVA SOCIAL CARD E-mail
Venerdì 09 Aprile 2010 05:20
Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

Intervistato da Vita.it, il presidente della Acli, Andrea Olivero, ha annunciato che nel corso della Conferenza organizzativa e programmatica (inizia oggi per concludersi il 10 aprile) proporrà al ministro Sacconi una nuova social card: " È uno strumento che abbiamo criticato, però con questa rilettura ci pare si possa arrivare a rispondere ai bisogni reali delle persone, in tempi brevi. Deve diventare uno strumento universalistico, togliendo i limiti di età e tenendo conto dei carichi familiari nel reddito, perché ad oggi le famiglie sono state penalizzate" sostiene Olivero dalle pagine del magazine on line.

Non condivide le sue dichiarazioni il presidente nazionale Auser, Michele Mangano, "Ritengo che per quante modifiche o correttivi si possano portare a questo singolare strumento varato dal governo nazionale, rimane il fatto che l'esperienza di Auser sul campo ci dimostra che non è stato raggiunto l'obiettivo che era stato inizialmente fissato dal Ministro dell'Economia e tale sistema non può mai rappresentare uno strumento efficace di contrasto alla vecchia e nuova povertà".

"Non comprendo bene per quale ragione l'Italia che è, e rimane, l'unico Paese in Europa che non si è dato uno strumento efficace di contrasto alla povertà, come il reddito vitale, debba seguire strade diverse e/o scorciatoie che non corrispondono alle reali esigenze della popolazione povera e di buona parte delle persone anziane del nostro Paese" aggiunge il Presidente concludendo che "l'esperienza delle pensioni di invalidità e della disoccupazione agricola, inoltre, va letta nella giusta dimensione che il fenomeno presenta, correggendo le storture ed eliminando e perseguendo gli abusi e non negando lo strumento".

 
Dammi un consiglio!



SERVIZIO GRATUITO


CENTRO DIFESA DEL MALATO

 
 
UN AVVOCATO A CASA TUA 

SERVIZIO PER DISABILI


Iscriviti per le notizie