ENNESIMO CASO DI MALASANITA' SEGNALATO AL CENTRO DIFESA DEL MALATO

 Buongiorno, 

il mio nome è xxxxxxxxx, e debbo segnalare le condizioni in cui sono "costretto" a vivere e sopportare, per merito del mio medico di base, che invece dovrebbe salvaguardarmi, e accogliere le mie confessioni, non a mio scapito.

Premetto che ho "convissuto" per più di 40 anni con un medico che invece mi ha sempre assistito come un figlio e che ha sempre avuto a cuore lo stato delle mie condizioni, peraltro gravissime, e che ha usato tutta la cortesia e la mostruosa conoscenza sempre senza mai pretendere nulla più di quanto la regione erogasse per la mia assistenza.

La pensione ha raggiunto anch'esso, e no ho potuto far altro che sceglierne uno il più vicino a casa, finendo nella rete di un amministratore, e non di un terapeuta, che trasforma ogni informazione ed ogni documentazione, come un appiglio per complicarmi la vita, non apponendo mai il codice di esenzione nei farmaci di classe C (sono invalido di guerra con cod. IG11), pur sapendo o comunque conoscendo l'excursus ospedaliero da me subito:

- 11 Interventi chirurgici, demolitori ed invasivi

- Più di 35 ore dii sala operatoria

- Quasi 18 mesi di ricoveri cimplessivi in 20 anni

- Aderenze a bizzeffe, che provocano dolore acuto, specie dopo il pranzo, con un crescendo fino a sera
- Difficoltà erettile ed eiaculazione retrogada (residuati dagli interventi nei pressi di uretere e pavimento pelvico (si è provveduto all'asportazione completa del retto, sigma etc)
- Portatore di Ileostomia permanente, con problemi di cute infiammata, per la fuoriuscita di materiale enterico (sono stati asportati circa 4 metri)

- Per la necessità di svuotamento, anche per non incorrere a nuove fuoriuscite, il sonno ne risente tanto da non permettermi di andare oltre le tre(3) ore di sonno, con le conseguenze immaginabili sulle stato psico-fisico

Vi sono altri problemi, che incidono sulla vita personale, e che qui non andrò a commuoverVi, ma che un medico minimante sensibile, dovrebbe intuire.

Insomma, la lista dei farmaci necessari a questo radioso quadro si elenca così;

CIPROXIN 500 MG per le varie infezioni che facilmente prendo (naturalmente dal quadro sopra descritto, ne è residuata di conseguenza, una immuno depressione)

RIFACOL 200 MG per le varie sindromi legate all'addome e intestino residuo

CIALIS 20 MG per le difficoltà erettile sopracitate

CONTRAMAL 100 MG/50MG per la sindrome di dolore acuto per le aderenze, che si fan più intense man mano che il giorno finisce

CONTROL 2,5 MG per poter conciliare velocemente il sonno e poter subito godere di quelle 2/3 ore possibili per me

Purtroppo dopo un anno di pagamento quasi intero dei farmaci sopra descritti, mi accorgo, facendo un giro per internet, e dopo aver chiesto lumi al medico responsabile dei medici di base  a Milano (dott. xxxxxxxx), che la mia condizione di esenzione mi dava diritto alla prescrizione con codice apposto a non pagare per tutti quei farmaci (quasi 3000 euro per il 2011 e per questo tratto di 2012).

Per tutta risposta sentendosi toccata o offesa, mi chiama a casa per comunicarmi che le cose son cambiate da marzo 2012, e che per poter accedere a quel tipo di esenzione avrei dovuto produrLe i certificati relazionati da un cardiologo o da un sessuologo o andrologo, per poter certificare la mia difficoltà erettile e la mia incontinenza urinaria, e il certificato specialistico di un neurologo o di una equipe che si occupi della terapia del dolore, per giustificare l'uso dell'antidolorifico, così mettendomi in una ulteriore difficoltà, senza contare lo sconforto e il timore di non potermi curare adeguatamente, acuendo così anche uno stato depressivo e intimorito di fronte a questo mostro istituzionale e senza umanità.

Attendo un vostro cortese riscontro alla presente.

Vogliate gradire i miei migliori saluti.

 

Joomla SEF URLs by Artio