Stampa
Gli italiani, più degli altri europei, pensano ad arredare la casa e a dotarsi di elettrodomestici, gli inglesi invece sono i più propensi a spendere per hobby e divertimenti. E' quanto emerge dall'analisi delle strutture di spesa in Europa nel 2008 nel rapporto 'Europa Consumi', elaborato dall'Ufficio Studi Confcommercio.
La Gran Bretagna, infatti, è il paese in cui si registra la maggiore quota di consumi, rispetto agli altri popoli del Vecchio Continente, per il tempo libero (17,3% sul totale consumi di una famiglia), se la spesa media per abitante europeo è di 1.729 euro nel Regno Unito si arriva a oltre 3 mila euro. In Italia invece, la spesa media complessiva per il tempo libero è pari a 1.600 euro e, la voce che pesa di più è quella dei servizi ricreativi e culturali (425 euro), comparto nel quale, però, primeggia l'Austria con una spesa di 731 euro.
Ma il Belpaese, con una quota pari al 7,5%, primeggia nelle spese per mobili ed elettrodomestici. Mentre in Slovenia si spende di più per auto e comunicazioni (19,5%). Il Portogallo è il paese che dedica più risorse alla cura del sé e al benessere personale (17,2%). Per quanto riguarda la finanza personale, è l'Olanda (11,9%) a detenere il primato mentre in Danimarca si registra la maggiore quota per le spese fisse per l'abitazione (26,5%) e in Spagna la gran parte del budget familiare se ne va in alimentazione e pasti fuori casa (32,4%).
Joomla SEF URLs by Artio