Stampa
Le vendite a domicilio battono la crisi: nel primo semestre dell'anno le imprese associate Avedisco (l'associazione vendite dirette servizio consumatori) hanno registrato un fatturato di 688 milioni, con una crescita dell'1,8% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.
Dopo un primo trimestre sostanzialmente stabile (+0,4%), nel corso del secondo trimestre, Avedisco ha registrato una crescita del 3% portando il volume d'affari a superare i 688 milioni di euro. 'Questi dati ci confermano che il nostro settore e' sano e vitale - commenta Luca Pozzoli, presidente di Avedisco- Nel pieno della crisi economica e occupazionale, le aziende associate Avedisco segnano una crescita decisa sia nel giro d'affari sia sotto il profilo degli addetti alla vendita'.
I settori piu' dinamici, sono stati quelli alimentare/nutrizionale e cosmesi/accessori moda che hanno segnato rispettivamente +5,8% e +4,4%, seguiti dai beni di consumo casa (+2,4%). Ha tenuto il comparto dei beni durevoli casa (+0,6%) che con una quota di mercato del 45,4% si conferma il settore piu' incisivo della vendita diretta a domicilio in Italia. In flessione il tessile (-4,2) e i servizi (-25,1%). In deciso aumento anche il numero degli incaricati alla vendita che hanno superato le 250mila unita': +17mila rispetto allo stesso periodo del 2008.
Joomla SEF URLs by Artio