Stampa
Il volontariato e' l'istituzione italiana che riceve la maggior fiducia dagli italiani. Lo fa sapere l'Eurispes che ha aggiornato i dati di un'indagine realizzata sulla cultura del dono nell'ambito dell'ultimo Rapporto Italia presentato a gennaio.
Il 71,3% degli italiani ha dichiarato nel 2009 di avere fiducia nelle associazioni di volontariato, percentuale superiore a quella raccolta dalle Forze dell'Ordine (Carabinieri 69,6%; Polizia 63,3%; Guardia di Finanza 62,7%) e dal Presidente della Repubblica (62,1%). Notevole il divario rispetto ad istituzioni come scuola (47,2%), magistratura (44,4%), istituzioni religiose (38,8%), ed ancor maggiore  quello rispetto alle istituzioni politiche.
Nel periodo 2003-2009, il massimo grado di fiducia nelle associazioni di volontariato e' stato raggiunto nel 2004 con una percentuale del 90%. In un quadro di generale calo di fiducia nelle istituzioni del Paese, il volontariato, pur perdendo negli ultimi anni qualche punto (si oscilla infatti dall'83% del 2003 all'84,3% del 2006 fino al 71,6% del 2008), continua a 'tenere'.
'Quella del dono -dichiara Gian Maria Fara, Presidente dell'Eurispes-, dell'arte del dono perduto, come diceva Adorno, e' la metafora di un mondo nel quale i rapporti umani si limitano alla semplice conoscenza superficiale che non impegna, non coinvolge. Un mondo nel quale si intessono relazioni e rapporti funzionali al conseguimento di un risultato, che si esauriscono cosi' come si consuma il rapporto tra venditore ed acquirente al momento dell'acquisto. Le relazioni come merce da vendere o nel migliore dei casi da scambiare'.
'Un altro indicatore della caduta della cultura del dono e' costituito dalla diffidenza ovvero dalla mancanza di fiducia: nessuno si fida piu' di nessuno. Ognuno si rinserra nel suo piccolo mondo, nel proprio privato e finisce col disinteressarsi di cio' che lo circonda e che non interagisce direttamente con i suoi interessi e i suoi bisogni'.
Joomla SEF URLs by Artio