Stampa
In caso di incidente marittimo, se un passeggero subisce lesioni personali o la morte, la compagnia proprietaria della nave deve anticipare a lui o all’erede un “pagamento sufficiente a coprire le necessità economiche immediate, proporzionalmente al danno subìto ed entro 15 giorni”, comunque non inferiore a 21.000 euro in caso di morte. Lo ha stabilito il Regolamento CE n. 392/2009 relativo alla responsabilità dei vettori che trasportano passeggeri via mare in caso di incidente. Tuttavia, il Regolamento aggiunge che “un anticipo di pagamento non costituisce riconoscimento di responsabilità e può essere detratto da qualsiasi ulteriore importo dovuto sulla base del presente regolamento”.
Joomla SEF URLs by Artio