Stampa

Il bello dei giorni di festa è che ci si può permettere di oziare e avere più libertà. Si tende a stravolgere i normali orari di pranzo e cena, serate a casa con i propri cari, e magari anche al ristorante, poco movimento ed ecco che è inevitabile aver preso qualche chilo. Ora, dopo le sregolatezze e l’anarchia alimentare, è giunto il momento di darsi delle regole per rimettersi in forma e cominciare un nuovo regime alimentare che possa diventare un’abitudine per tutto l’anno.

 

La prima regola è quella di controllare l’alimentazione, adottando una dieta che permetta di depurarsi e di perdere i chili in eccesso senza troppa fatica o sacrifici.

Secondo il nostro esperto di alimentazione, il professor Agostino Macrì, lasciare assolutamente perdere le bizzarre diete del momento e seguire delle piccole regole senza farsi abbindolare dal miraggio del “magro e subito”.

Il primo consiglio è quello di rivolgersi ad esperti evitando di seguire diete strampalate, frutto di improvvisati stregoni. Per dimagrire, ricordarsi, di non bisogna avere fretta: la perdita di peso deve avvenire lentamente, perché ciò che va davvero modificato non è il modo di mangiare nell’arco di un mese, ma le errate abitudini alimentari di sempre.

Fermo restando che una dieta equilibrata va adeguata all’organismo di chi la deve seguire, ecco alcuni seri e utili consigli di esperti della nostra Associazione per una sana alimentazione:

Una donna per dimagrire dovrebbe consumare meno di 1800 Kcalorie giornaliere, un uomo stare sotto le 2000 Kcalorie giornaliere. Inoltre, nella giornata ci vogliono tre pasti di cui il più ricco deve essere la prima colazione, seguito da un pranzo meno abbondante e una cena leggera. Si consigliano un frutto o uno snack a metà mattina e nel pomeriggio.

Non dimentichiamo poi che l’alimentazione dovrebbe essere varia e ed equilibrata, limitare le dosi e tenere sempre a mente che una vita sedentaria è nemica della linea: senza fare un po’ di moto è pressoché impossibile dimagrire. Non resta quindi che armarsi di buona volontà  e affiancare a un corretto stile alimentare del sano movimento.

Autore: Unione Nazionale Consumatori

Joomla SEF URLs by Artio