Stampa
C’erano una volta i saldi, infatti quando l'economia girava, i consumatori ne approfittavano per rifarsi il guardaroba e risparmiare, e i commercianti per fare cassa, gestire le scorte di magazzino e pianificare con calma la stagione successiva. I saldi estivi erano qualcosa di molto diverso da quello che sono oggi, in tempo di crisi: ancora di salvataggio per i commercianti in crisi di liquidità, per coprire costi e stipendi, e per i consumatori un richiamo per nulla irresistibile a lanciarsi negli acquisti, visto che anche lo shopping più conveniente deve essere attentamente valutato, e se è il caso rinviato a tempi migliori.  Così ha inizio la stagione dei saldi estivi che secondo il calendario programmato in Calabria va dal 04 Luglio al 31 Agosto 2009 ed il primo consiglio utile secondo l’Unione Nazionale Consumatori Calabria è di evitare di essere abbagliati dai falsi sconti soprattutto quando questi assumono proporzioni enormi.
Accade infatti sempre piu’ spesso che vengano segnalati comportamenti scorretti quali quello di riprezzare in eccesso il prezzo originale del prodotto per evidenziare sconti anche del 50-70%. Dietro questo fenomeno c'è una violazione della legge e il tentativo di raggirare il consumatore con l'illusione di fare un grande affare.
Ricordiamo che il cambio dei capi è a discrezione del commerciante, dietro presentazione dello scontrino fiscale, per tale motivo l’Unione Nazionale Consumatori Calabria consiglia prima di acquistare un capo, di accordarsi col commerciante.
Qualora invece il prodotto è difettoso o non conforme a quanto descritto, il cambio è un diritto del consumatore. Sempre dietro esibizione dello scontrino d'acquisto, in caso di prodotto difettoso il commerciante è tenuto a provvedere alla sua sostituzione o in mancanza alla restituzione del prezzo corrisposto, secondo quanto dispone il codice del consumo (D.Lgs. n° 206 del 2005). Non è assolutamente consentito se il consumatore non è d’accordo, emettere un buono d'acquisto di importo corrispondente spendibile per un periodo da concordare.
Invitiamo i cittadini inoltre a segnalare eventuali comportamenti scorretti, come quello di non indicare in questi giorni il prezzo dei capi di abbigliamento messi in vendita ed esposti in vetrina, ritenendo che l’esposizione oggi del prezzo della merce, sia l’unico valido strumento per il consumatore per verificare che domani, con i saldi, lo sconto sia effettivamente praticato e non sia solo un abile artifizio.
L’Autorità competente alla quale segnalare eventuali comportamenti scorretti dei commercianti è la Polizia Municipale.
Le segnalazioni possono anche essere indirizzate alle associazioni consumatori le quali provvederanno alla dovuta assistenza e segnalazione alle competenti autorità.
L’Unione Nazionale Consumatori Calabria ha chiesto più volte la liberalizzazione dei periodi di saldi o promozioni che dir si voglia, anche perchè tutti i commercianti applicano ormai sconti durante l’intero anno e non solo nel periodo che per legge viene dedicato ai saldi, ed inoltre stabilire un periodo di saldi equivale a negare un libero mercato, cioe' concorrenza e offerta continua, con l'autorita' impegnata solo a vigilare sulla correttezza delle regole.

Vademecum per non cadere vittime di tranelli durante lo shopping scontato:
 
Servirsi preferibilmente nei negozi di fiducia, diffidando di sconti eccessivi pari o superiori al 60%.
Occhio al cartellino: deve esserci sempre scritto il prezzo pieno, quello scontato e il valore in percentuale.
Conservate sempre e comunque lo scontrino, il consumatore deve denunciare al venditore il difetto di conformità entro due mesi dalla data in cui ha scoperto il difetto.
Si paga con gli stessi metodi dei “normali” acquisti effettuati tutto l’anno (contanti e carte varie); ci si rivale nei confronti del commerciante solo in caso la merce acquistata abbia difetti di produzione o di conformita'; l'eventuale cambio della merce non difettata e' solo a discrezione del commerciante, per cui e' opportuno informarsi di questa disponibilità' fin dal momento dell'acquisto
Per gli acquisti online è previsto il diritto di recedere, senza alcuna penalità e senza specificare il motivo, entro 10 giorni dall’acquisto.
Ma soprattutto attenti ai finti saldi,c'e' solo un metodo ed è quello di farsi un giro nei negozi prima che parta il periodo dei saldi, verificare la merce che interessa e prendere appunti sui prezzi indicati e poi raffrontarli con quelli pieni indicati sui cartellini dei saldi.
Per qualsiasi informazione ci si può rivolgere all’Unione Nazionale Consumatori di Reggio Calabria, tel. 0965/899980, oppure all’Ufficio Comunale per il commercio o ai Vigili Urbani.
Joomla SEF URLs by Artio