Stampa

L'Italia mantiene il primato negativo in Europa per la bolletta elettrica piu' costosa a carico delle imprese. I nostri imprenditori, infatti, pagano l'energia il 38,7% in piu' rispetto alla media Ue. Il conto piu' salato e' a carico delle aziende del Nord che complessivamente nel 2008 hanno pagato l'energia elettrica 5.139 milioni euro in piu' rispetto alla media dei Paesi europei, distribuiti in 2.975 milioni nel Nord Ovest e 2.164 milioni nel Nord Est. E' quanto emerge da un'analisi condotta da Confartigianato che ha stilato una classifica delle regioni, delle province e dei settori in cui gli imprenditori subiscono le differenze di costo piu' ampie rispetto all'Europa.

Dall'indagine emerge che la regione piu' penalizzata e' la Lombardia, con 2.025 milioni euro di divario di costi rispetto alla media Ue, seguita dal Veneto con 920 milioni euro, dal Piemonte con 779 milioni euro e dall'Emilia Romagna con 766 milioni euro. Al quinto e sesto posto la Toscana e il Lazio con maggiori costi pari rispettivamente a 567 milioni e 500 milioni euro.

Joomla SEF URLs by Artio