Stampa
Il cartello di scarico di responsabilità dei parcheggi per eventuali furti o danni alle vetture non ha alcuna validità giuridica. Lo ha stabilito la Corte di cassazione con la sentenza n. 1957/2009 in seguito ad una vertenza tra un automobilista e l’azienda di trasporto pubblico milanese che gestiva un parcheggio su delibera comunale in base alla quale veniva esonerata da ogni responsabilità. La Cassazione è stata di avviso diverso osservando che il parcheggio è un contratto atipico non disciplinato, ma si tratta in effetti di un contratto di deposito con onere della custodia a carico del gestore. Inoltre, lo scarico di responsabilità è una clausola vessatoria che, ai sensi dell’art. 1341 del Codice civile, deve essere approvata per iscritto dall’automobilista, cosa che non avviene con il rilascio di un semplice tagliando.
Joomla SEF URLs by Artio