Stampa
Carta per gli acquisti o Social card che sia ora al danno della lentezza delle procedure può aggiungersi la beffa. Un milione di potenziali aventi diritto rischiano di perdere (anzi, quasi sicuramente hanno già perso, se non intervengono novità in queste ore) i 120 euro degli arretrati dei primi 3 mesi, cioé quelli che riguardano ottobre, novembre e dicembre 2008.
Mancano, infatti, pochi giorni alla scadenza stabilita dal governo per la presentazione della domanda, prevista il 31 dicembre 2008. E nessuno in Italia sa, visto che i telegiornali non ne parlano, che, superando il confine del 31, si dovrà dire addio ai 120 euro di finanziamento retroattivo.
L'allarme è stato lanciato nei giorni scorsi dalle Acli, che - per venire incontro alle richieste di assistenza dei cittadini - terranno aperti gli sportelli dei Caf Acli anche tra Natale e Capodanno, nei giorni 29, 30 e 31 dicembre.
 
Non raccolto l'invito a rinviare la scadenza: perché? 
E non è stato ancora raccolto dal governo l'appello a spostare almeno di un mese questa scadenza,
“Il rischio è che centinaia di migliaia di cittadini, soprattutto i più bisognosi che stanno affollando i nostri sportelli, perdano un contributo di 120 euro che gli spetterebbe invece di diritto”.
Il rimborso retroattivo dei tre mesi, spiegano dall’Acli, era stato pensato immaginando l'attivazione della Carta Acquisti dal 1° ottobre. “Se la macchina invece non è partita prima del 1° dicembre, dobbiamo evitare che a pagare il ritardo siano le persone destinatarie del sussidio”, dice Paola Vecchina, che conclude: “Per questo pensiamo sia ragionevole spostare il limite di tempo per ottenere la ricarica di 120 euro dal 31 dicembre al 28 febbraio”.
Joomla SEF URLs by Artio