Stampa
Maggiori tutele e salvaguardie per i passeggeri dell’Unione Europea: è quanto stabilito da due proposte legislative della Commissione, finalizzate a creare un servizio di trasporti più competitivo e più attento alle esigenze di tutti gli utenti, in particolare i portatori di handicap. Nel dettaglio, tali riforme si riferiscono al trasporto navale e ai servizi forniti tramite autobus di linea.
I regolamenti prevedono norme minime sulle informazioni da fornire a tutti i passeggeri prima e durante il viaggio e un’assistenza costante e gratuita agli utenti disabili durante tutto il tragitto, nelle fasi di imbarco o accesso al mezzo e al termine del viaggio. Inoltre, le imprese sono tenute a formare accuratamente il proprio personale affinché possa fornire un corretto supporto agli utenti disabili.
Una ferma posizione dell’Unione Europea si riscontra anche in merito al delicato tema dei rimborsi: le aziende che non riusciranno a far fronte ai propri impegni dovranno pagare un risarcimento calcolato sulla base del prezzo del biglietto e, in caso di infortunio, le imprese di trasporto non potranno contestare le richieste di indennizzo inferiori ad un determinato importo. Secondo quanto dichiarato da Antonio Tajani, vicepresidente della Commissione europea responsabile dei trasporti, l’UE deve garantire un servizio competitivo, equo e, soprattutto, uniforme. Per questo motivo è prevista l’introduzione, all’interno degli Stati membri, di organismi competenti che assicurino l’applicazione dei nuovi regolamenti: il passeggero, in caso di controversie con un’impresa di trasporti, avrà al suo fianco un’autorità indipendente alla quale si potrà rivolgere per ottenere il rispetto dei propri diritti.
 
Joomla SEF URLs by Artio