Stampa
Dal 1° gennaio 2008 il fisco spierà i consumi di gas ed energia elettrica di tutti gli utenti, domestici e non domestici. Le modalità  delle “spiate” sono state definite da un provvedimento dell’Agenzia delle dogane pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 1° ottobre scorso, che entra in vigore dal prossimo anno. In base al provvedimento, tutte le aziende elettriche e del gas dovranno trasmettere esclusivamente per via telematica i dati relativi ai consumi di circa 60 milioni di utenti, al fine di verificare la capacità contributiva. Dal 2008, quindi, bisognerà stare attenti a quanta elettricità e a quanto gas si consuma in casa, perché se i consumi sono alti c’è il rischio di un accertamento fiscale correlato alla dichiarazione dei redditi. Chissà perché, le verifiche non riguardano le chiamate dai telefoni e specialmente dai telefonini, che misurerebbero assai meglio la capacità contributiva. Non è chiaro come farà il fisco a gestire questa enorme mole di dati che intaserà le memorie dei computer.
Joomla SEF URLs by Artio