Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

di Gabriella Lax

165 euro per chi guida col cellulare. Più care anche le multe per chi passa col rosso, per i divieti di sosta e per i sorpassi vietati. E' l'effetto dell'adeguamento biennale all'inflazione previsto dalla legge (art. 195 Cds) che ha innalzato del 2,2% gli importi delle multe per violazioni al codice della strada.

 

Multe, i rincari dal 1° gennaio

Gli aumenti sono diversi e vanno dal semplice divieto di sosta fino al sorpasso aggravato, passando per l'eccesso di velocità e la guida col cellulare. Ecco i principali:

Divieto di sosta

Il divieto di sosta semplice passa da 41 a 42 euro, quello aggravato da 85 a 87 euro.

Strisce blu

La sosta senza pagare sulle strisce blu nei centri abitati passa da 25 a 26 euro; anche per il disco orario manomesso l'importo da pagare sale di un euro e costerà 26 euro.

Eccesso di velocità

Per quanto riguarda le multe per eccesso di velocità: se entro i 10 km/h si passa da 41 a 42; più corposo l'aumento nel caso di violazione tra gli 11 ed i 40km/h si passa da 169 a 173 euro; e così in proporzione: tra 41 e 60km/h da 532 si va a 544 euro, per eccesso di velocità oltre i 60 km si sale da 829 a 847 euro.

Semaforo rosso

Per il passaggio con il rosso da 163 euro si sale a 167 euro.

Sorpassi e guida col cellulare

Per le infrazioni che riguardano la guida col cellulare da 161 a 165 euro; si pagherà 83 euro (prima erano 81) nel caso di cinture non allacciate. Nel caso di sorpasso semplice da 81 a 83 euro; se il sorpasso è aggravato invece da 163 si passa a 167 euro.

L'esclusione dai rincari

Ricordiamo che l'articolo 195 del Codice stradale che determina l'adeguamento degli importi agli indici di inflazione per le famiglie di operai e impiegati misurati dall'Istat durante il biennio precedente, riguarda solo le sanzioni di carattere amministrativo. Rimangono invariate le sanzioni penali.

I rincari sono stati evitati nel pagamento dei pedaggi, così come voluto dal ministro ai trasporti Danilo Toninelli. O almeno, sono stati evitati sul 90% della rete autostradale ossia su 5.208 chilometri sui 5.868 chilometri totali. Sono invece 11, su 26, le concessionarie che sono state autorizzate a praticare tariffe più alte dallo scorso primo gennaio. Tra le strade in cui le tariffe dei pedaggi aumentano ci sono Savona-Ventimiglia, la Torino-Piacenza-Brescia, l'Autocisa, la Torino-Savona.