Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

Nei primi cinque mesi del 2019 sono stati segnalati 1096 casi di morbillo. Ministero Salute: grazie all’anagrafe vaccinale nessun obbligo di presentazione dei certificati a scuola

Non bisogna abbassare la guarda sui vaccini. Anche perché nei primi cinque mesi di quest’anno sono stati segnalati in Italia oltre mille casi di morbillo. A dirlo è la Sipps, Società italiana di pediatria preventiva e sociale, che interviene anche sulla scadenza di oggi.

 

Il 10 luglio scade infatti il termine per presentare i certificati di avvenute vaccinazioni per le iscrizioni a scuola, previste dalla legge Lorenzin. Ma Ministero della Salute e dell’Istruzione hanno già precisato che, essendo stata attivata l’Anagrafe nazionale vaccinale, i genitori non hanno più l’obbligo di presentare la documentazione, perché il Sistema ormai automatizzato fa dialogare direttamente Asl e istituti scolastici.

«Grazie all’Anagrafe vaccinale, le situazioni irregolari sono già state comunicate dalle Aziende sanitarie al dirigente scolastico, che ha l’obbligo di richiedere entro il 10 luglio i documenti mancanti ai genitori – spiega il Ministero –  Questi ultimi avranno a loro volta dieci giorni di tempo per portarli a scuola».

Per i pediatri il nuovo anno scolastico inizia dunque «sotto i migliori auspici, in quanto viene eliminato il rilevante carico della ricerca dei documenti attestanti lo stato vaccinale», dice il presidente Sipps Giuseppe Di Mauro. Ma a preoccupare è la diffusione del morbillo.

«Non bisogna abbassare la guardia – spiega il Professor Luciano Pinto, SIPPS Campania – nei primi 5 mesi del 2019 sono stati segnalati 1.096 casi di morbillo, di cui 79 in bambini di età da 1 a 5 anni e 42 in età < 1 anno: quanti di questi frequentavano un asilo nido o la scuola dell’infanzia? Inoltre, nello stesso periodo sono stati segnalati 25 casi tra Operatori Scolastici, tutti non vaccinati, ad eccezione di 1».

«Il 6 settembre 2017 – prosegue – è entrato in vigore l’obbligo di autocertificazione della propria situazione vaccinale anche per questa categoria, oltre che per gli Operatori Sanitari e Socio-Sanitari: bisogna ricordare a chi è a contatto con bambini nelle prime fasi di vita, che è a rischio sia di contrarre patologie infettive tipiche dell’infanzia, che di essere veicolo di infezione e che, pertanto, il vigente Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale 2017-2019, raccomanda per lui tutte le vaccinazioni a copertura delle patologie tipiche dell’età infantile».