Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

di Gabriella Lax

Tutto pronto per la realizzazione dell'anagrafe nazionale dei vaccini. Lo schema di decreto ad hoc, redatto dal ministero della Salute, è stato trasmesso, nei giorni scorsi, alla Conferenza stato-regioni. Sarà oggetto di una riunione tecnica presso il ministero degli Affari Regionali il prossimo 4 settembre.

Vaccini, in arrivo l'anagrafe nazionale

 

I dati saranno utilizzati ministero della Salute per lo svolgimento delle funzioni e dei compiti amministrativi in materia di raccolta dati e informazioni da scambiare con gli organismi comunitari e internazionali.

Secondo le previsioni del decreto, l'Anagrafe riporterà i dati dei soggetti vaccinati e di quelli da vaccinare, dei soggetti immunizzati (grazie alle notifiche del medico curante o il sistema di segnalazione delle malattie infettive del Ministero della Salute) o per i quali le vaccinazioni possono essere omesse o differite per motivi di salute, ed inoltre le dosi e i tempi di somministrazione e gli eventuali effetti indesiderati.

Toccherà alle Regioni, ogni tre mesi, trasmettere le informazioni relative ad ogni singolo residente. Il trasferimento dovrà avvenire entro il mese successivo al trimestre di riferimento. I dati di ciascun assistito saranno conservati nell'anagrafe nazionale fino a 30 anni dopo il decesso della persona. La titolarità e la responsabilità dell'azione amministrativa dell'Anagrafe nazionale vaccini toccheranno al ministero della salute che potrà utilizzare i dati acquisiti per la redazione o integrazione di relazioni e rapporti da trasmettere, nel caso, anche al Parlamento.