Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

Via libera della Commissione finanze al dl Fisco. Saltano le multe ai negozianti che non hanno il Pos. Per l’UNC i negozianti saranno autorizzati a rifiutare i pagamenti elettronici per importi bassi

Via libera della Commissione finanze della Camera al dl Fisco. Dentro ci sono, come scrive il Sole 24 Ore, «lo stop alle sanzioni per i negozianti senza pos, il rinvio delle multe per chi non si adegua a nuove regole seggiolini, la Rc Auto familiare anche per moto e scooter, l’Iva al 5% per gli assorbenti lavabili fino al modello 730, per l’invio del quale i contribuenti avranno tempo fino al 30 settembre».

 

UNC: è una retromarcia

La commissione Finanze ha dunque approvato l’abrogazione delle sanzioni per i commercianti che non hanno il Pos per i pagamenti con carta di credito e di debito. Una misura che non è piaciuta all’Unione Nazionale Consumatori.

«Una vergognosa retromarcia! Ancora una volta vincono le lobby – commenta Massimiliano Dona, presidente dell’UNC – In pratica si autorizzano i commercianti a rifiutare i pagamenti elettronici come hanno fatto fino ad oggi. Il Pos, infatti, era già previsto dall’ottobre del 2012, ossia da ben 7 anni, e le sanzioni erano già annunciate nella legge di stabilità del 2016, ossia da quasi 4 anni. Si trattava, quindi, semplicemente di dare attuazione alla norma, rendendola finalmente vincolante».

L’associazione ribadisce che «solo dando al cliente la possibilità di segnalare la trasgressione, si sarebbero fatti passi avanti, dando così al consumatore la possibilità di poter pagare come meglio crede. Ora i commercianti potranno continuare a rifiutare gli strumenti di pagamento elettronici per importi bassi».