Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

di Lucia Izzo

Ampliata la platea di beneficiari dell'incentivo noto come "Resto al Sud", agevolazione che mira a sostenere la nascita di nuove attività imprenditoriali nelle regioni del Mezzogiorno: l'accesso alle agevolazioni sarà ora consentito anche ai soggetti che svolgono attività libero-professionale e fino a 45 anni di età.

È l'effetto del decreto n. 134 del 5 agosto 2019, pubblicato in in Gazzetta Ufficiale il 23 novembre 2019 e in vigore dal prossimo 8 dicembre, che ha modificato il regolamento n. 174 del 9 novembre 2017, concernente la misura incentivante introdotta dal D.L. n. 91/2017.

Dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, quindi, anche gli under46 e i professionisti potranno presentare i progetti sulla piattaforma online di Invitalia.

 

Resto al Sud: i beneficiari

In un primo momento, l'agevolazione "Resto al Sud" era riservata all'avvio di attività d'impresa e fino a un limite massimo di età di 35 anni.

A seguito delle novità, invece, potranno presentare domanda di ammissione alle agevolazioni i soggetti di età compresa tra 18 e i 45 anni, purché siano costituiti, al momento della presentazione della domanda (o comunque successivamente al 21 giugno 2017), o si costituiscano in impresa individuale o società, anche cooperative, e le società tra professionisti.

Requisiti per accedere alle agevolazioni

Potranno chiedere di essere ammessi alle agevolazioni i soggetti che, al momento della presentazione della domanda, siano residenti in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia oppure che scelgano di trasferirvi la propria residenza dopo aver presentato la domanda, entro massimo 60 giorni dall'eventuale esito positivo della valutazione (120 giorni se risiedi all'estero).

I beneficiari delle agevolazioni dovranno mantenere la residenza nelle suddette regioni, per tutta la durata del finanziamento.

I richiedenti, inoltre, non dovranno essere già titolari di attività di impresa in esercizio alla data del 21 giugno 2017, né potranno essere stati beneficiari, nell'ultimo triennio, a decorrere dalla data di presentazione della domanda, di ulteriori misure a livello nazionale a favore dell'autoimprenditorialità.

Liberi professionisti ammessi alle agevolazioni

Per quanto riguarda i liberi professionisti, ovvero gli iscritti in ordini o collegi professionali oppure esercenti professioni non organizzate in ordini o collegi, non dovranno essere titolari di partita IVA per l'esercizio di un'attività analoga a quella proposta nei 12 mesi precedenti la presentazione della domanda di agevolazione.

In particolare, non potranno presentare istanza i soggetti che risultano essere titolari, nei dodici mesi precedenti la presentazione della domanda, di partita IVA associata a un codice ATECO identico, fino alla terza cifra di classificazione delle attività economiche, a quello corrispondente all'attività oggetto domanda di ammissione alle agevolazioni.

Agevolazioni

Sono escluse dal finanziamento le attività agricole e il commercio, mentre invece con "Resto al Sud" è consentito avviare iniziative imprenditoriali per:

- produzione di beni nei settori industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, pesca e acquacoltura;

- fornitura di servizi alle imprese e alle persone;

- turismo.

Il finanziamento copre il 100% delle spese ammissibili e consiste in un contributo a fondo perduto pari al 35% dell'investimento complessivo e in un finanziamento bancario pari al 65% dell'investimento complessivo, garantito dal Fondo di Garanzia per le PMI. Gli interessi del finanziamento sono interamente coperti da un contributo in conto interessi.

Resto al Sud è un incentivo a sportello, pertanto le domande verranno esaminate senza graduatorie in base all'ordine cronologico di arrivo.

Monitoraggio delle agevolazioni

Sarà l'Agenzia per la Coesione territoriale, nell'ambito delle proprie competenze, a garantire il monitoraggio delle agevolazioni concesse ai soggetti beneficiari, sulla base dei dati forniti dal Soggetto gestore della misura.

Dovrà essere assicurata comunque la valorizzazione dei seguenti indicatori:

  1. a) numero complessivo delle domande di contributo ricevute;
  2. b) numero delle iniziative approvate e ammesse alle agevolazioni;
  3. c) importo complessivo dei contributi concessi;
  4. d) importo degli investimenti attivati e dei finanziamenti degli istituti di credito accreditati ai beneficiari, impatto occupazionale e costo medio delle unità lavorative aggiunte generate dallo strumento agevolativo.