Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

Luci ed ombre per i consumatori di elettricità e gas dopo gli aggiornamenti periodici dei prezzi di riferimento comunicati da ARERA (l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) per il prossimo trimestre di riferimento (Gennaio-Marzo). Innanzi tutto è bene specificare che le variazioni riguardano prevalentemente i clienti dei mercati di tutela (che una norma, purtroppo, prevede termineranno dall’1° luglio 2020 

 

Inoltre, essendo la composizione delle nostre bollette molto complessa (per approfondire l’argomento leggi Come si legge la bolletta 2.0 di luce e gas) gli aggiornamenti comunicati da ARERA si riferiscono alla così detta “Famiglia Tipo” cioè una famiglia che ha consumi medi di energia elettrica di 2.700 kWh all’anno con una potenza impegnata di 3 kW e per il gas consumi di 1.400 metri cubi annui. Dal 1° gennaio 2019 e per il trimestre di riferimento Gennaio-Marzo avremo, quindi, un prezzo dell’elettricità praticamente stabile, con un -0,08%, ed un aumento per il gas del 2,3%.

Per quanto riguarda l’elettricità, entrando nel dettaglio, in realtà più che parlare di prezzo stabile dovremmo parlare di mancata diminuzione, infatti in questo periodo c’è stata un’importante discesa dei costi dell’energia (-5%) ma, purtroppo, questo calo è stato compensato dal recupero degli Oneri Generali di Sistema che erano stati bloccati lo scorso anno per evitare che le bollette dei consumatori aumentassero eccessivamente nel periodo estivo, periodo in cui i consumi elettrici tendono ad aumentare. La buona notizia è che con questo “pareggio” è stato completamente recuperato l’ammontare degli oneri e quindi, nei prossimi trimestri, le variazioni degli Oneri Generali di Sistema rientreranno nelle normali dinamiche che li hanno sempre caratterizzati. Ovviamente questo dimostra quanto siano determinanti gli Oneri Generali di Sistema per la spesa elettrica degli italiani (coprono il 20% della spesa totale): per questo motivo, secondo noi dell’Unione Nazionale Consumatori, dovrebbero essere tolti dalle bollette e spostati sulla fiscalità generale! La riscossione degli Oneri Generali di Sistema nelle bollette elettriche: le nostre proposte per far sì che non pesino sui consumatori! 

In merito al gas si registra invece un aumento del 2,3%, cosa abbastanza naturale considerata la stagionalità del gas. Quello che emerge drammaticamente, però, è il peso che le imposte e gli oneri parafiscali hanno sul gas arrivando a coprire quasi il 40% del totale. Anche in questo caso sarebbe importante un intervento legislativo, più volte richiesto dalla nostra Unione, per l’abbattimento dell’IVA al 10% per tutti i consumi domestici, come avviene per l’elettricità, e la riduzione delle accise (alcune davvero anacronistiche).

Alla fine dei conti il 2018 ha segnato prezzi, e quindi costi, per i consumatori in rialzo arrivando a determinare una maggiore spesa per la famiglia tipo di 130 euro all’anno!

Ricordiamo che per problemi con la bolletta di luce e gas è attivo il nostro sportello Energia in home page. 

Autore: Marco Vignola