Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

A partire dal prossimo 3 luglio scatteranno gli aumenti per i servizi postali. Per spedire lettere o plichi in base alla tariffa di posta ordinaria (posta 4) sarà necessario pagare un po’ di più in molti scaglioni di peso (anche se alcune tipologie saranno invece ridotte); una lettera o una cartolina (fino a 20 grammi) costeranno 1,10 euro invece degli attuali 95 centesimi.

 

Analogamente inviare una lettera all’estero nel primo scaglione di peso e nell’area europea e mediterranea costerà 1,15 euro invece di 1 euro.

Le tariffe della Posta Raccomandata interna saranno incrementate in tutti gli scaglioni di peso: ad esempio, la tariffa per gli invii fino a 20 grammi varierà da 5 euro a 5,40 euro, con un aumento quindi dell’8%.

Ma come siamo messi rispetto al resto d’Europa? Bene ma non benissimo, verrebbe da dire. Perché il costo di spedizione in Italia era già fra i più alti del continente, a fronte di un servizio non sempre ineccepibile. Si pensi che per la Royal Mail inglese, una spedizione da 100 grammi costa 66 centesimi contro i nostri 95 (che – come detto appena sopra- dal prossimo 3 luglio diventeranno 1,10). Nel rapporto qualità/prezzo, particolare per niente trascurabile, il servizio postale migliore sembra essere quello irlandese.