Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

Ad aprile sono arrivate oltre 900 mila richieste di moratoria sui finanziamenti rateali. Oltre mezzo milione viene dai consumatori e in quasi la metà dei casi riguarda i mutui immobiliari

Sabrina Bergamini

Ad aprile sono arrivate oltre 900 mila richieste di moratoria sui finanziamenti rateali, sia da parte delle imprese che dei consumatori. Oltre mezzo milione di richieste viene da consumatori privati e il 44% di queste riguarda la moratoria sui mutui immobiliari.

Sono i dati elaborati da Crif sulle richieste di moratorie sui finanziamenti rateali contribuite in EURISC, il principale Sistema di Informazioni Creditizie attivo in Italia.

 

Secondo gli ultimi dati elaborati da CRIF nel mese di aprile sono state circa 933 mila le richieste di moratorie sui finanziamenti rateali contribuite in EURISC. La sospensione dei finanziamenti ha riguardato principalmente i consumatori privati, con quasi 547 mila richieste (rispetto alle 162 mila del mese di marzo), a fronte di circa 386 mila presentate dalle imprese (erano state circa 73 mila nel mese precedente).

Moratoria dei finanziamenti, richieste su mutui immobiliari e prestiti personali

Le famiglie chiedono prima di tutto di sospendere le rate del mutuo di casa.

Per quanto riguarda le 546.740 linee di credito per le quali è stata chiesta la sospensione del rimborso delle rate da parte di privati consumatori, i mutui immobiliari rappresentano infatti il 44% delle richieste (sono in tutto oltre 239 mila) mentre circa 175 mila riguardano prestiti personali. A seguire, più di 68.000 sono le richieste di moratoria sui mutui di liquidità, 41.270 si riferiscono a prestiti finalizzati mentre le restanti 22.373 a contratti di leasing e altri prodotti rateali.

Per i mutui immobiliari, la rata mensile per la quale è stata chiesta la sospensione è in media di 681 euro, mentre per gli altri mutui la rata ammonta a 776 euro al mese; per i prestiti personali l’importo medio su cui è richiesta la sospensione è di 385 euro, per i prestiti finalizzati è di 253 euro.

«Per quanto riguarda l’applicazione della moratoria nelle diverse regioni del Paese – si legge nella nota di Crif – il 14,7% dei contratti sospesi dalle famiglie si concentra in Lombardia, che precede l’Emilia Romagna, che mostra una incidenza del 13,7% sul totale nazionale, e il Piemonte, con il 10,5%. Seguono il Veneto, con un peso del 9,4%, il Lazio con il 9,0% e la Toscana con il 7,0%».

Chi chiede la moratoria? Seguendo la distribuzione per fasce d’età dei consumatori che hanno richiesto una moratoria, emerge che 1 su 3 appartiene alla generazione dei Baby boomers (tra i 52 e i 66 anni). Il 28,9% dei richiedenti ha, invece, un’età compresa tra 51 e 44 anni, mentre il 18,9% ha tra 43 e 37 anni.