Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

A settembre aumentano le richieste di prestiti da parte delle famiglie, a più 2,5%, mentre l’importo medio è stabile a 9240 euro fra prestiti personali e finalizzati

Aumentano le richieste di prestiti da parte delle famiglie: a settembre più 2,5% rispetto allo stesso mese del 2018. Ma è in lieve calo l’importo medio chiesto, che si aggira sui 9.240 euro.

Sono i dati diffusi dal Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF relativamente alle richieste di prestiti da parte delle famiglie italiane (nell’insieme di prestiti personali e prestiti finalizzati). Si conferma una dinamica positiva che dura da sette trimestri consecutivi.

 

Nel dettaglio, però, il segno più è determinato dai prestiti finalizzati, che hanno fatto segnare un aumento del +5,5%, mentre le richieste di prestiti personali sono risultate in calo del -1%. L’ultima variazione negativa risale a febbraio 2016 per cui «sarà interessante verificare con le prossime rilevazioni – dicono da Crif – se si tratta di una frenata occasionale oppure di una vera e propria inversione di tendenza».

Quanto si chiede in prestito

L’importo medio richiesto, nel complesso delle richieste di prestiti personali e finalizzati, a settembre rimane pressoché stabile rispetto allo stesso mese dell’anno precedente (-0,3%) per assestarsi a 9.240 euro.

Per i prestiti finalizzati l’importo medio chiesto raggiunge i 6.633 euro mentre per i prestiti personali si attesta a 12.585 euro.

I prestiti ripartiti per classe di importo evidenziano che in maggioranza (44,5%) sono richieste che arrivano fino a 5 mila euro, con una tendenza in aumento (più 1,3%); il 19,7% delle richieste riguarda prestiti compresi fra 5 e 10 mila euro, il 23,3% richieste fra 10 e 20 mila euro, mentre percentuali minori sono per richieste di importi superiori, fra l’altro in calo dell’1,3%.

Approfondendo l’analisi per tipologia di finanziamento, per quanto riguarda i prestiti finalizzati il 59,9% delle richieste riguarda importi al di sotto dei 5.000 euro mentre per i prestiti personali è la classe compresa tra 10.001 e 20.000 euro quella con la maggiore incidenza, pari al 28,2% del totale.