Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

I costi di gestione di una casa sono molto alti, spesso questo dipende proprio dalle bollette energetiche. Da qui emerge la necessità di capire come risparmiare su queste voci di spesa, adottando una serie di escamotage utili per abbassarne il totale. Ecco quindi il vademecum per risparmiare sulle bollette casalinghe.

 

Attenzione a quanta energia si consuma

Non è possibile fare a meno del consumo di energia in casa, viceversa è possibile fare attenzione a come e a quanto ne utilizziamo. Per fare un esempio concreto, è meglio investire per coibentare la casa e per creare un adeguato sistema di isolamento termico. È possibile poi aumentare il risparmio energetico acquistando gli infissi termo-protettivi, ma anche optando per le prese con standby. Infine, si consiglia di procedere verso un audit energetico: ovvero una dettagliata analisi dei consumi in casa.

Valutare l’opzione del fotovoltaico

Le fonti di energia rinnovabili oggi rappresentano sicuramente una delle risorse più preziose. Lo sono sia per la salute del pianeta, sia per il conto in banca delle famiglie italiane. Fra le diverse scelte a disposizione, si potrebbe valutare ad esempio quella del fotovoltaico. L’installazione dei pannelli solari consente difatti di risparmiare sui costi, sia in inverno che in estate.

Cercare un fornitore con tariffe migliori

Spesso il problema degli alti costi in bolletta dipende più che altro dalla tariffa del nostro attuale fornitore. Dunque conviene sempre dare uno sguardo alle alternative offerte dal mercato dell’energia e cercare un fornitore con tariffe migliori. Tra i player del mercato possiamo citare ad esempio Accendi Luce e Gas, che presenta delle offerte luce molto interessanti poiché garantiscono un prezzo bloccato per 24 mesi e un contratto personalizzabile in base alle esigenze di ciascun consumatore.

La classificazione energetica degli elettrodomestici

Un altro segreto per risparmiare è fare attenzione anche alla classificazione energetica degli elettrodomestici. Quelli vecchi, infatti, possono consumare molta luce elettrica e tanta acqua, ecco perché si consiglia di optare per modelli più recenti, dotati di un’etichetta da A+ fino ad A+++. Si tratta di elettrodomestici detti “ad alta efficienza”, la cui etichetta viene sempre contrassegnata da un colore verde. In certi casi un elettrodomestico di questo tipo può arrivare a portare un risparmio pari al 50%.

Usare in modo adeguato gli elettrodomestici

Non conta solo l’etichetta, ma anche l’uso che viene fatto degli elettrodomestici più dispendiosi in termini di consumi energetici. Ad esempio il condizionatore andrebbe usato in modalità di deumidificazione, così da poter abbattere i consumi di luce elettrica. Una volta sopraggiunto l’inverno, invece, bisogna concentrarsi sui termosifoni, in questo caso conviene optare per una caldaia privata di ultima generazione. Anche le valvole conta-calorie sono utili, in quanto permettono di avere una prospettiva più chiara dei consumi. Un altro elemento da tenere a mente, in ottica di risparmio, è la corretta manutenzione degli elettrodomestici: una regola che vale soprattutto per frigo, lavatrice e lavastoviglie.

Risparmiare energia in casa non è una missione impossibile. Il segreto è capire come moderare certe abitudini poco virtuose e intervenire anche sulle tariffe.