Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

Oggi parliamo dei rimborsi spettanti ad una categoria di consumatori molto particolare: si tratta dei tifosi del calcio che proprio in questi giorni stanno ricevendo dalle società della Serie A informazioni riguardanti il rimborso degli abbonamenti delle partite svolte a porte chiuse.

La situazione dal punto di vista del diritto è molto semplice: l'impossibilità di assistere alle ultime partite del campionato a causa del Covid-19 implica l'applicazione dell'art.1463 del Codice Civile, imponendo al fornitore della prestazione, in questo caso la società sportiva, di rimborsare il consumatore. Cosa stanno facendo le società di calcio di serie A? Alcune hanno lasciato le proprie tifoserie nella più totale incertezza, senza fornire alcuna informazione; altre hanno persino invocato i contratti di abbonamento sostenendo di non essere tenute ad alcun rimborso; altre ancora, infine, stanno proponendo rimborsi in forme varie, alcuni ricorrendo al meccanismo dei voucher.

 

Piccolo particolare, il meccanismo dei voucher, pur previsto da alcune norme dell'emergenza (e peraltro sub iudice da parte della Commissione Europea che ha aperto una procedura d’infrazione a carico dell’Italia), non è applicabile al mondo del calcio: com'è noto abbiamo fortemente contestato questa dinamica nei settori nei quali il voucher è espressamente previsto come possibilità di rimborso (turismo, palestre e impianti sportivi, concerti ed eventi della cultura). Ma nessuna norma ha esteso i voucher agli abbonamenti per le partite di Serie A.

Ecco perché con l'Unione Nazionale Consumatori abbiamo deciso di segnalare all'Antitrust queste pratiche che giudichiamo scorrette: attendiamo un sollecito pronunciamento dell'Autorità Garante perché questo è il momento di mettere da parte il tifo per la squadra del cuore e di tirare fuori i muscoli da consumatori consapevoli.