Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

Al via la promozione solidale lanciata dalla Coop, che sconta la spesa a chi si presenta con la card. Per la sigla è un investimento di oltre 7 milioni di euro l’anno

Se fai la spesa con la carta del reddito di cittadinanza, il 5% lo offre Coop. È la promozione solidale lanciata oggi dalla cooperativa, che lancia una campagna in cui riconosce uno sconto del 5% sulla spesa effettuata a chi si presenta con la card del reddito di cittadinanza. Secondo dati Inps, questa raggiunge una platea di circa 840 mila nuclei familiari.

 

Per Coop è un investimento stimato di oltre 7 milioni di euro all’anno, in linea con analoghe operazioni precedenti, fatte con la social card del 2008 (Ministro dell’Economia era Giulio Tremonti) e proseguito col Reddito di inclusione varato dal Governo Renzi.

La campagna di oggi, rivendica la Coop, è «puramente volontaria e un unicum al momento nel panorama della moderna distribuzione italiana».

Tecnicamente lo sconto coinvolge anche i detentori della pensione di cittadinanza, è applicato da subito da ciascuna delle cooperative aderenti a tutti i clienti, fatta eccezione per Coop Alleanza 3.0 che, per motivi tecnici, applica lo sconto solo ai soci e socie dal 1 agosto.

«La carta del reddito di cittadinanza è lo strumento che permette il nostro intervento – spiega Luca Bernareggi, Presidente Ancc-Coop (Associazione Nazionale Cooperative di Consumatori) – nessuno ci ha obbligato a investire in tal senso, ma siamo convinti di operare così facendo in linea con ciò che devono fare delle cooperative di consumatori quali noi siamo, ovvero andare incontro a quelle famiglie che vivono sulla loro pelle gli effetti di una crisi da cui non siamo ancora usciti. Non risolveremo così facendo i problemi di nessuno, ma riteniamo comunque di dare un aiuto concreto».