Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

I lavoratori in cassa integrazione Covid a marzo e aprile hanno perso oltre il 27% del loro reddito. In Cig-Covid la metà delle imprese, per quasi il 40% dei dipendenti del settore privato

Sabrina Bergamini

I lavoratori in cassa integrazione Covid a marzo e aprile hanno perso oltre il 27% del loro reddito. Il dato emerge dal report della Banca d’Italia e dell’Inps “Le imprese e i lavoratori in cassa integrazione Covid nei mesi di marzo e aprile”.

Bankitalia: Cassa integrazione Covid, meno 27,3% del reddito lordo mensile

A marzo e aprile il 51% delle imprese ha usufruito della Cassa integrazione Covid, per quasi il 40% dei dipendenti del settore privato.

 

«In media – si legge nello studio – ogni individuo in CIG-Covid ha subito una riduzione oraria di 156 ore, il 90 per cento dell’orario mensile di lavoro a tempo pieno (pari a 173 ore in marzo e aprile). Secondo nostre stime basate sulle informazioni attualmente disponibili, in media ogni lavoratore ha perso il 27,3 per cento del proprio reddito lordo mensile».

Nel mese di marzo e aprile i lavoratori con almeno un episodio di CIG-Covid sono stati oltre 5 milioni.

UNC: dato allarmante

La perdita di oltre il 27% del reddito lordo mensile è un dato “allarmante”, dice a stretto giro l’Unione Nazionale Consumatori.

«Dato allarmante e preoccupante, visto che riguarda il 40% dei dipendenti del settore privato – commenta il presidente UNC Massimiliano Dona – Inoltre va considerato che già nel primo trimestre 2020, secondo i dati Istat, il reddito disponibile lordo è sceso sul trimestre precedente dell’1,6% e che, di conseguenza, i consumi sono crollati del 6,4%. Una situazione già grave, destinata inevitabilmente a peggiorare nel secondo trimestre».

L’associazione chiede di ridare capacità di spesa alle famiglie.

«Le misure di sostegno dei redditi adottate a partire dal Cura Italia, insomma, hanno certo consentito di contenere la caduta dei redditi e del potere d’acquisto delle famiglie, ma non abbastanza. Bisogna ridare in fretta capacità di spesa ai ceti medi e medio-bassi o la caduta dei consumi, e di conseguenza del Pil, avrà effetti disastrosi per il Paese».