Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

Booking.com, dopo le pressioni e il confronto con la Commissione Europea e le autorità nazionali di protezione dei consumatori, si è impegnata a rimuovere dal proprio sito (entro il 16 giugno di quest’anno) claim e diciture falsi e ingannevoli che avevano lo scopo di indurre il visitatore ad un acquisto immediato tramite pressing psicologico.

Cosa cambierà?

Molti consumatori hanno segnalato infatti quanto Booking.com fosse solito indurre ad un acquisto “frettoloso” l’utente in cerca dell’offerta giusta, diciture del tipo “ultima camera disponibile, proposta a tempo limitato o prenota subito” erano la consuetudine.

 

Dopo l’impegno preso nei giorni scorsi, in linea con la recente direttiva Ue in tema di protezione dei consumatori, invece, ecco cosa cambierà per chi navigherà sul noto portale di prenotazioni:

  • Non verrà più presentata un’offerta come “a tempo limitato” per poi mantenere lo stesso prezzo anche oltre la scadenza dichiarata;
  • La dicitura “ultima camera disponibile” indicherà in modo chiaro che si sta facendo riferimento esclusivamente alle stanze poste in offerta e non alla più generale disponibilità della struttura;
  • Nel confronto prezzi, la piattaforma si impegna a specificare se si sta tenendo conto di particolari condizioni, come le date di soggiorno, senza fingere che si tratti di uno sconto;
  • Apparirà chiaro all’utente, grazie a dati concreti, se il confronto tra prezzi comporti un effettivo risparmio;
  • Verrà reso noto il meccanismo usato per stilare l’ordine con cui i risultati di ricerca vengono presentati all’utente, sarà ad esempio indicato esplicitamente se i pagamenti della struttura a favore di Booking abbiano in qualche modo influenzato “la classifica”;
  • Vi sarà un’indicazione esplicita se la sistemazione è offerta da un host privato o da un professionista (come una catena di hotel);
  • Infine, entrerà in vigore anche un obbligo di chiarezza rispetto all’indicazione dei prezzi finali che saranno quindi comprensivi di tutto, incluse le tasse obbligatorie (che si possono calcolare in anticipo).

Autore: Lorenzo Cargnelutti