Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

di Gabriella Lax

La manovra abbraccia anche il bonus tv e prevede 151 milioni di euro come contributo per le famiglie in vista dello switch-off nel 2020 che interesserà il 35% dei cittadini del Paese. In questo modo sarà favorito (e facilitato) il passaggio alla nuova tecnologia prevista per i decoder del digitale terrestre che potrebbe coinvolgere il 35% della popolazione. Anche per questo provvedimento c'è stato l'ok della manovra.

 

In manovra c'è anche il bonus tv

I fondi, pari a 151 milioni di euro, serviranno alle famiglie per adeguarsi all'entrata in vigore del nuovo standard Dvbt2 per la trasmissione del segnale televisivo, a partire dal 2020 e fino al 2022 per consentire la liberazione delle frequenze destinate al 5G.

Si tratta di un passaggio che toccherà per prime Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania e Sardegna, per chiudere con alcune provincie del veneto, Emilia - Romagna, Marche, Friuli Venezia Giulia, Molise, Puglia, Basilicata e le provincie di Cosenza e Crotone.

L'incentivo (cosiddetto bonus tv) è indirizzato a chi deciderà dal prossimo anno di acquistare una nuova tv che supporti il nuovo standard, o un decoder per abilitare alla ricezione del segnale un televisore più datato che non è in grado di "leggere" lo standard Mpeg4.

Niente paura però per chi ha comprato televisioni dal 2017, i nuovi apparecchi supportano già il nuovo standard: quindi il benefit riguarda chi vorrà sostituire gli apparecchi comprati prima di quella data o chi vorrà adeguarli collegando un decoder.