Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

Valeria Zeppilli 

Anche nel 2020 i neo-genitori hanno diritto al bonus bebè. Anzi: dal 1° gennaio 2020 la platea di beneficiari è stata estesa. Vediamo i requisiti necessari

Il requisito della nascita o adozione

Il primo requisito richiesto per poter beneficiare del bonus bebè 2020 è che in famiglia sia nato, sia stato adottato o sia stato accolto in affidamento preadottivo un bambino nel periodo che va dal 1° gennaio al 31 dicembre 2020.

Bonus bebè 2020 per tutti

 

Fino al 2019 per poter usufruire del bonus bebè era necessario avere un ISEE non superiore a una determinata soglia, mentre nel 2020 non è più così: la prestazione spetta a tutti, ma il suo ammontare varia, decrescendo al crescere del valore dell'ISEE.

Bonus bebè per ISEE fino a 7mila euro

In particolare, in caso di ISEE fino a 7mila euro, i genitori hanno diritto a:

  • 160 euro al mese (1.920 euro annui) se si tratta di primo figlio,
  • 192 euro al mese (2.304 euro annui) se si tratta di figlio successivo al primo.

Bonus bebè per ISEE superiore a 7mila euro e fino a 40mila euro

Se, invece, l'ISEE supera i 7mila euro ma non i 40mila euro, i genitori hanno diritto a:

  • 120 euro al mese (1.440 euro annui) se si tratta di primo figlio,
  • 144 euro al mese (1.728 euro annui) se si tratta di figlio successivo al primo.

Bonus bebè per ISEE superiore a 40mila euro o non disponibile

Se, infine, l'ISEE supera i 40mila euro, i genitori hanno diritto a:

  • 80 euro al mese (960 euro annui) se si tratta di primo figlio,
  • 96 euro al mese (1.152 euro annui) se si tratta di figlio successivo al primo.

Gli stessi importi sono corrisposti anche in assenza di ISEE, ad esempio se questo è scaduto o se non è stata presentata la DSU.