Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

Gli italiani vanno al bar soprattutto per la prima colazione: 5,4 milioni fanno qui il primo pasto della giornata con una spesa media di 2,40 euro. Sono 1,3 milioni gli italiani che invece pranzano al bar spendendo 7,50 euro. I prezzi? Il caffè costa in media 1 euro, il cappuccino 1,30 euro e il panino 3,10 euro. Quasi 150 mila bar promuovono un volume d’affari di 18 miliardi di euro. I numeri del settore sono stati diffusi da Fipe, Federazione italiana pubblici esercizi, in occasione di Gourmet Expoforum. La Fipe parla del bar come di “una vera e propria istituzione da Nord a Sud del Belpaese”.

 

I dati aggiornati sul bar italiano, a cura dell’Ufficio Studi Fipe, dicono che a oggi sono 149.154 i bar in attività in tutta Italia, con un volume di affari di 18 miliardi di euro e concentrati principalmente in alcune regioni: Lombardia (16,9%), Lazio (10,4%), Campania (9,6%), Veneto (8,4%) e Piemonte (7,2%).  Per quanto riguarda la nati-mortalità delle imprese, nel 2017 si riscontrano 6.335 imprese iscritte e 11.979 imprese cessate, con un saldo negativo di 5.644 imprese. Nella tipologia di esercizio prevalgono i breakfast e morning bar (30%), seguiti da bar generalisti (24%), lunch bar (17%), bar serali (16%) e bar multifunzione (14%).

Sul fronte occupazionale il bar italiano conferma il proprio fermento: i numeri Fipe sulla ricerca di personale nel 2017 parlano di 9.900 baristi. Il settore mostra una prevalenza della componente femminile rispetto a quella maschile (il 58% di lavoratrici dipendenti contro il 42% di lavoratori dipendenti). Il 79% dei dipendenti è di nazionalità italiana, mentre i dipendenti di nazionalità straniera si attestano sul 21%.

Perché gli italiani vanno al bar? Secondo l’Ufficio Studi Fipe soprattutto per fare colazione: 5,4 milioni di persone consumano qui tutti i giorni il primo pasto della giornata, con una spesa media di 2,40 euro. A pranzo invece si parla di 1,3 milioni di persone, con una spesa media di 7,50 euro. Analizzando gli atti di acquisto, emerge infine che i prodotti maggiormente consumati al bar sono bevande calde, bevande alcoliche e aperitivi, brioches, prodotti cosiddetti “d’impulso” come snack e gelati, bevande analcoliche, acqua minerale e infine panini o piatti.