Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

di Gabriella Lax

Arriva il "bonus trasporto pubblico" che consente di detrarre nella dichiarazione dei redditi 2019 le spese sostenute per gli abbonamenti a metropolitana, trasporto pubblico locale, regionale o interregionale. A ricordarlo, in un tweet, è l'Agenzia delle entrate.

Che cos'è il bonus trasporto pubblico

 

E' stata la legge di Bilancio 2018 ad introdurre una detrazione Irpef del 19% per le spese sostenute per l'acquisto degli abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale, su un costo annuo massimo di 250 euro.

il bonus ha come oggetto sia le spese sostenute direttamente dal contribuente per l'acquisto di un abbonamento del trasporto pubblico, sia le spese fatte per conto dei familiari a carico dal punto di vista fiscale.

Come usufruire del bonus trasporto pubblico

Il sito dell'Agenzia delle entrate chiarisce che per le detrazioni relative all'acquisto dell'abbonamento da parte dei cittadini e dei familiari a carico è necessario conservare il titolo di viaggio e la documentazione relativa al pagamento.

In conclusione «non concorrono a formare reddito di lavoro le somme erogate o rimborsate ai dipendenti dal datore di lavoro o le spese sostenute direttamente da quest'ultimo per l'acquisto degli abbonamenti per il trasporto pubblico del dipendente e dei suoi familiari».