Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

Quest’anno crescono gli acquisti online di prodotti: su soprattutto food&grocery, elettronica di consumo e abbigliamento. Crolla lo shopping per trasporti e turismo. L’eCommerce nel 2020 secondo l’Osservatorio Netcomm-Politecnico di Milano

Sabrina Bergamini

Lo stile di vita dei consumatori ha avuto un’evoluzione digitale durante i mesi del lockdown. Un’accelerazione digitale, se si considera l’aumento degli acquisti online. L’eCommerce è diventato sempre più diffuso, anche se lo shopping online è diverso a seconda dei comparti.

Nel 2020 gli acquisti online valgono infatti 30,6 miliardi di euro, con una flessione del 3% sul 2019 legata al diverso andamento di prodotti e servizi: crescono del 31% gli acquisti online di prodotti ma calano del 47% gli acquisti dei servizi, soprattutto per il tracollo del settore trasporti, turismo e ticketing. I dati sono dell’Osservatorio Netcomm – Politecnico di Milano.

 

«Le disposizioni governative, la trasformazione di alcune abitudini di consumo e il potenziamento dei progetti eCommerce da parte di numerosi attori del settore generano effetti visibili sui numeri del mercato italiano: a fronte della crescita più rilevante di sempre degli acquisti online di prodotto (+5,5 miliardi di euro in 12 mesi), i servizi dimezzano il loro valore (-47%) a causa della crisi che ha colpito, in primis, il settore di Turismo e trasporti».

Acquisti online e stile di vita

Questa la sintesi dell’Osservatorio eCommerce B2c in occasione del convegno promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano e da Netcomm intitolato “eCommerce B2c:la chiave per ripartire”.

Spiega Roberto Liscia, Presidente di Netcomm: «La crisi sanitaria, come sappiamo, ha generato un’evoluzione digitale senza precedenti degli stili di vita degli italiani, andando a modificare profondamente anche i comportamenti di acquisto. Il customer journey di oggi risente fortemente della nuova “normalità” in cui viviamo: aumenta la frequenza di acquisto nell’eCommerce (+79%), l’home delivery rimane la modalità preferita di ricezione dei prodotti da oltre il 93% degli utenti e il contante perde sempre più terreno a favore dei pagamenti digitali».

eCommerce, acquisti online: prodotti e servizi a confronto

Il mercato dell’eCommerce e gli acquisti online seguono percorsi differenti per categoria.

Gli acquisti online di prodotto segnano l’incremento annuo più alto di sempre (+5,5 miliardi di euro) e raggiungono i 23,4 miliardi di euro. I tre settori che crescono di più sono Food&Grocery, Informatica ed elettronica di consumo e Abbigliamento. Al contrario l’acquisto di servizi crolla per il blocco di Turismo e trasporti, che segnano una flessione del 56% e calano fino a 7,2 miliardi di euro.

«Da un lato la chiusura delle frontiere, le forti limitazioni alla mobilità e il divieto di assembramento hanno colpito pesantemente l’ambito dei servizi (Turismo/Trasporti e Ticketing per eventi in primis) e ne hanno penalizzato fortemente le vendite, indipendentemente dal canale – spiega Alessandro Perego, Responsabile Scientifico degli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano – Dall’altro lato la pandemia ha avvicinato all’eCommerce di prodotto tanti nuovi utenti e ha agito positivamente sulla frequenza di spesa dei web shopper già acquisiti. Nel 2020 il valore degli acquisti online di prodotto nel mondo dovrebbe raggiungere i 2.600 miliardi di euro (+16% circa rispetto al 2019)».

Il mercato degli acquisti online

Quest’anno Informatica ed elettronica di consumo valgono online 6,2 miliardi di euro (+20%), l’Abbigliamento 3,9 miliardi (+22%) e l’Editoria 1,2 miliardi (+18%).

I comparti emergenti registrano ritmi di crescita molto più alti: in particolare il Food&Grocery genera 2,7 miliardi di euro (+70% rispetto al 2019) e l’Arredamento e home living 2,4 miliardi (+32%). Buona anche la crescita delle categorie racchiuse in “Altri prodotti” (+37% rispetto al 2019), come Beauty e Pharma, ma anche Giochi e Ricambi d’auto.

In valore assoluto, spiegano dall’Osservatorio, sono tre i comparti che contribuiscono maggiormente alla crescita: dei 5,5 miliardi di euro di incremento totale, 1,1 miliardi sono realizzati dal Food&Grocery, 1 miliardo dall’Informatica ed elettronica di consumo e 700 milioni dall’Abbigliamento.

Diverso l’andamento degli acquisti online nel settore servizi, che risente del blocco di turismo e trasporti per la pandemia e il lockdown e cala del 56% per un valore di 4,8 miliardi di euro. A questo si accompagna la crisi del settore ticketing per lo stop a concerti, mostre e grandi eventi. Vanno invece in controtendenza gli acquisti online nelle assicurazioni: più 6%, si assestano su 1,6 miliardi di euro.

Nel comparto dei prodotti, l’incidenza dell’eCommerce passa dal 6% all’8% sul totale delle vendite retail. Un’accelerazione.

Nello stesso tempo, continuano gli acquisti online fatti via smartphone. L’eCommerce da smartphone ormai copre il 51% degli acquisti online e sfiora i 15,7 miliardi di euro, con un aumento del 22% rispetto al 2019.