Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

L’Unione Nazionale Consumatori ha condotto uno studio sulle spese di Natale, stimando la top ten delle vendite natalizie 2019.

I giocattoli sono al primo posto degli acquisti natalizi, come vuole la tradizione. Al secondo posto ci sono i prodotti per la cura della persona come i profumi, i cosmetici, creme viso-corpo, trousse trucchi.

Al terzo posto, ma sempre sul podio, gli elettrodomestici: televisori, tostapane, caffetterie elettriche, sbattitori elettrici, robot da cucina, planetaria, rasoi elettrici, radiosveglie.

In quarta posizione, prodotti di cartoleria e libri (calendari, penne, agende…), poi, pochissimo distanziati, smartphone e computer, ed, in sesta posizione, i generi casalinghi (utensili da cucina, cristalleria da tavola, porcellane, ceramiche).

 

Più staccati, gioielli, orologi, cornici, oggetti d’oro o argento, fiori e piante, poi, in ottava posizione, abbigliamento (guanti e cinture non in pelle, cravatte), ed infine, in nona, foto-ottica e strumenti musicali (binocoli, microscopi, telescopi…).

In decima posizione, ultimi della top ten, gli alimentari e le bevande. La voce include sia l’aumento di spesa che si registra per il pranzo di Natale sia i regali a base di cibo, come panettoni, pandori, dolciumi, spumanti.

Le calzature, articoli in pelle e da viaggio (valige, borse, portafogli …), sono solo in undicesima posizione, fuori dalla classifica. Bisogna, comunque,  tenere presente che gli acquisti di abbigliamento e calzature sono anche influenzati dall’imminente arrivo dei saldi.

“La nostra non è la classifica dei regali più graditi ma di quelli che vengono normalmente fatti. Non sappiamo, cioè, se ricevere il classico profumo o dopobarba, piuttosto che un libro, inaspettatamente al quarto posto, sia poi apprezzato da chi lo riceve, anche se lo speriamo. Quello che è certo è che sono molto donati, forse anche perché sono regali facile da fare, che non richiedono grandi sforzi di immaginazione e hanno prezzi abbordabili per tutte le tasche. Rispetto al primo posto in classifica, i bambini sono sempre i protagonisti del Natale, come è giusto che sia” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

Lo studio analizza l’aumento delle vendite che si registra a dicembre rispetto ai mesi precedenti, stilando la classifica dei prodotti che segnano il maggior incremento di spesa.

Guarda la tabella con la classifica dei regali di Natale

Posizione

Prodotti

1

Giochi, articoli per lo sport ed il campeggio (esclusi giochi elettronici)

2

Prodotti di profumeria (cosmetici, creme, trousse trucchi, ecc…)

3

Elettrodomestici: tostapane, caffetterie elettriche, rasoi elettrici, radiosveglie…

4

Prodotti di cartoleria, libri (calendari, penne, agende, cartoline…)

5

Smartphone, cordless, computer, stampanti, giochi elettronici, ecc…

6

Casalinghi

7

Gioielli, orologi, cornici, oggetti d’oro o argento, fiori e piante, ecc…)

8

Abbigliamento (anche guanti e cinture non in pelle, cravatte)

9

Foto-ottica e strumenti musicali (binocoli, microscopi, telescopi, ecc…)

10

Alimentari

Autore: Mauro Antonelli