Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

L’app finanziaria Revolut ha analizzato le tendenze di acquisto degli italiani, fortemente condizionate dalla pandemia. L’e-commerce locale è cresciuto del 142% rispetto al 2019

Con la conclusione del 2020, l’app finanziaria Revolut ha analizzato le spese dell’anno, rilevando le tendenze di acquisto degli italiani, fortemente condizionate dalla pandemia. In particolare, dall’analisi è emerso che i consumatori italiani hanno prestato più attenzione ai canali e-commerce locali durante lo scorso anno.

E-commerce locale in crescita del 142%

Nonostante la spesa più consistente venga ancora effettuata sugli e-shop globali, secondo l’analisi Revolut, la spesa media degli utenti effettuata sui siti italiani è cresciuta del 142% rispetto al 2019, mostrando, dunque, una maggiore attenzione nei confronti delle aziende locali durante i mesi della pandemia.

 

In particolare, nel 2020 i consumatori hanno speso in media 913 euro a persona sui siti globali e 530 euro a persona sui siti locali.

Crescono i pagamenti contactless

La pandemia ha condizionato anche i piani di viaggio degli italiani, che nel 2020 hanno speso in Italia, con la propria carta, tre volte quello che hanno speso all’estero.

Inoltre, i clienti cercano metodi di pagamento più sicuri e tendono all’uso maggiore del contactless. Infatti, se nel dicembre 2019 il 72% dei pagamenti era contactless, nel dicembre 2020 la percentuale è salita all’81%. Una crescita influenzata anche dall’utilizzo di Apple Pay e Google Pay.

Al contrario, calano i prelievi di denaro presso gli sportelli, che nel 2019 erano utilizzati dal 71% dei clienti, mentre nel 2020 sono stati effettuati da solo il 35%.