Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

È il periodo più caldo dell’anno per gli italiani alle prese con la compilazione della dichiarazione dei redditi: secondo BVA DOXA, infatti, il 19% del totale dei contribuenti se ne occupa proprio nel mese di giugno. E tempo di dichiarazione dei redditi significa anche tempo di scegliere a chi devolvere il 5×1000, la misura fiscale che consente ai contribuenti italiani di destinare, senza oneri aggiuntivi, una quota delle proprie tasse (pari al 5 per mille dell’IRPEF) a un ente del Terzo Settore. Un valore totale che ha raggiunto l’anno scorso il tetto dei 500 milioni di Euro previsti dal Governo a copertura del 5×1000.

 

Nel 2018, solo 1 italiano su 2 ha destinato questa somma ad un ente non-profit. Eppure non si tratta di un tema di mancata conoscenza dal momento che 8 italiani su 10 dichiarano di conoscere sia il 5×1000 che l’8×1000. Tuttavia soltanto 4 italiani su 10 dichiarano di aver firmato l’8×1000 nel 2018. Guardando al 5×1000, è interessante analizzare le risposte in base alla tipologia dei contribuenti: i donatori (coloro che hanno fatto almeno una donazione per qualunque causa negli ultimi 12 mesi) sono più propensi a firmare per il 5×1000 rispetto ai non donatori, anche se c’è ancora una percentuale piuttosto considerevole di donatori (ben il 35%) che, pur essendo già sensibile nei confronti delle cause di solidarietà, decide di non indicare un ente non-profit a cui destinare questa somma.

Le motivazioni addotte per la mancata firma, nonostante il 5×1000 – esattamente come l’8×1000 – non preveda alcun aggravio di spesa per i contribuenti che versano regolarmente le tasse, vanno dal generico “non so come e dove farlo” (per il 18%, in crescita rispetto al 9% registrato nel 2017) al “non mi fido, non posso verificare” (per il 14%, in calo rispetto al 29% del 2017, il che indica che sono stati fatti passi avanti in termini di rendicontazione).

Ma soprattutto, si rivela come siano principalmente i “donatori” a manifestare difficoltà nel sapere come e dove firmare (il 27% di loro) e come addirittura alcuni si giustifichino indicando come spiegazione “faccio già altre offerte e donazioni” (il 10%), non tenendo conto del fatto che la quota delle proprie tasse destinata con il 5xmille non incide sul proprio portafoglio e andrà comunque destinata altrove, a prescindere dalla propria scelta.

Chi invece decide di scegliere un ente non-profit, viene guidato da alcuni driver di scelta: il 43% sceglie lo stesso ente del passato (in particolare il 51% dei donatori, per i quali sono utili anche brochure e volantini ricevuti dall’associazione destinataria) mentre il 19% segue il suggerimento di amici, parenti o conoscenti (donatori e non donatori indistintamente). Fondamentale per il 16% dei non donatori il consiglio del CAF e del commercialista, mentre questa voce scende al 6% per i donatori. In generale, soltanto l’1% dichiara di compiere la propria scelta grazie a input ricevuti dalla pubblicità.

Il 9% dei contribuenti neppure si dichiara interessato al tema, e i più distaccati dalle questioni del 5×1000 sembrano essere proprio i giovani fino a 34 anni di età e chi ha un livello di istruzione più basso. Più sensibili alla causa invece gli over 55, gli italiani con titolo di studio superiore e gli appartenenti alla classe socio-economica media.