Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

di Gabriella Lax

Le famiglie che si trovano in difficoltà economiche potranno ottenere uno sconto sulla tariffa rifiuti relativo alle sole utenze domestiche. È stato approvato dalla commissione finanze della Camera l'emendamento al decreto fiscale, la cui conversione è in discussione oggi alla Camera, che prevede in casi particolari la riduzione.

Sconto Tari per due milioni di beneficiari

Si tratta di un emendamento presentato da Roberto Pella di Forza Italia, approvato dalla commissione finanza della Camera, all'interno di un pacchetto più ampio di proposte relative agli enti locali. Come previsto per i bonus elettricità, gas o acqua, dal 2020 circa 2 milioni di nuclei familiari potranno accedere a condizioni tariffarie agevolate per la fornitura del servizio di gestione dei rifiuti solidi urbani.

 

Sconto Tari, chi può chiederlo?

A stabilire chi potrà usufruire del bonus ci penserà l'Arera (Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente) a stabilire le modalità attuative del bonus, stipulando una convenzione con Anci per assicurare una capillare informazione sui bonus sociali destinati ai cittadini. Gli utenti beneficiari saranno individuati in analogia ai criteri utilizzati per gli altri bonus sociali relativi all'energia elettrica, al gas e al servizio idrico integrato.

La proposta di Anci

La proposta accolta, è quella formulata da Anci e prevede che il bonus sia attribuito in maniera automatica, grazie al sistema Sgate (Sistema di gestione sulle agevolazioni delle tariffe energetiche) già utilizzato. Con lo stesso correttivo che introduce il bonus Tari, viene fissato al 30 aprile di ogni anno il termine per l'approvazione delle tariffe, svincolandolo così dalla data di deliberazione del bilancio di previsione.