Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

In arrivo una serie di emendamenti che prevedono di rivedere la plastic tax e ipotizzano di escludere i prodotti monouso in plastica biodegradabile o quelli che contengono una certa percentuale di plastica riciclata

Arriveranno proposte di modifica alla plastic tax. E avranno la forma di una serie di emendamenti alla manovra, che verranno depositati in Commissione Bilancio al Senato, molti (oltre 400 proposte) ad opera del Movimento 5 Stelle che auspica una modifica della tassa sulla plastica e propone di escludere dalla nuova plastic tax i prodotti monouso in plastica biodegradabile o quelli che contengono almeno il 25% o il 50% di plastica riciclata. Si chiede anche di esentare tutti i dispositivi sanitari monouso, non solo le siringhe e di ridurre al 5% l’imposizione sulla cancelleria di plastica (come le penne).

 

Ripensare la plastic tax

Un’altra proposta che dovrebbe rientrare in questo campo e contribuire a ridurre l’uso della plastica è quella di prevedere il vuoto a rendere non solo per il vetro, ma anche per una serie di prodotti quali i contenitori di plastica per acqua e bibite, saponi, detersivi, shampoo, anche per le lattine.

«Ripenseremo profondamente alcune misure come quelle sulla tassazione delle auto aziendali e la plastica monouso», ha detto Antonio Misiani, viceministro Pd all’economia.

E questo intento non è passato inosservato all’Unione Nazionale Consumatori che chiede di eliminare la tassa sulla plastica e di puntare sugli incentivi.

«Bene, ottima notizia. Ma la plastic tax va eliminata del tutto. Servono incentivi, non disincentivi, almeno fino a che non sarà dato modo alle aziende di riconvertire i propri processi produttivi e non vi saranno validi sostituti per i consumatori – commenta Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori – Considerato il gettito previsto dal Governo, 1.079,5 mln nel 2020 e 2.191,9 nel 2021, la mera traslazione in avanti dell’imposta di consumo, non considerando, quindi, la diversa elasticità delle curve di domanda, variabile a seconda del bene, è pari a 42 euro nel 2020 e 86 euro nel 2021. Una stangata che, per come è ideata ora la tassa, non porterebbe alcun beneficio all’ambiente ma solo un danno al portafoglio delle famiglie».