Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

di Lucia Izzo

L'amministrazione finanziaria non può compiere "atti a sorpresa" in danno al contribuente. In particolare, l'iscrizione ipotecaria posta in essere senza essere stata preceduta da un avviso dovrà essere dichiarata nulla. La mancanza di tale avviso sarà rilevabile d'ufficio.

La vicenda

Lo ha precisato la Corte di Cassazione, terza sezione civile, nella sentenza n. 12237/2019 (qui sotto allegata) respingendo in toto il ricorso presentato da Equitalia che avviato la riscossione, iscrivendo ipoteca sui beni del contribuente.

 

In particolare, per la Corte d'Appello andava dichiarata la nullità dell'iscrizione ipotecaria poiché questa era stata effettuata a oltre un anno di distanza dalla notifica delle cartelle di pagamento, senza essere stata preceduta dall'invio al debitore di un avviso contenente l'intimazione ad adempiere le proprie obbligazioni entro un congruo termine.

Niente atti a sorpresa in danno al contribuente

[Torna su]

Nel confermare la decisione, gli Ermellini rammentano che è un "principio generale dell'ordinamento", nonché "principio generale di civiltà" quello secondo cui l'amministrazione finanziaria non possa compiere atti "a sorpresa" in danno del contribuente, e per lui pregiudizievoli.

Si tratta di principio sotteso da numerose norme dell'ordinamento tributario (per tutte, basterà ricordare l'art. 6, L. 212/2000), il quale trova applicazione sia nel caso in cui l'amministrazione finanziaria intenda procedere a esecuzione forzata in danno del contribuente, sia nel caso in cui intenda semplicemente iscrivere ipoteca sui suoi beni.

Nel dettaglio, spiega la Cassazione, qualora l'amministrazione finanziaria intenda procedere a esecuzione forzata su beni del contribuente, il contraddittorio con quest'ultimo è imposto dall'art. 50, comma secondo, d.P.R. 602/1973 (nel testo introdotto sostituito dall'art. 16, comma 1, d.lgs. 46/1999).

Tale norma stabilisce che "se l'espropriazione non è iniziata entro un anno dalla notifica della cartella di pagamento, l'espropriazione stessa deve essere preceduta dalla notifica (...) di un avviso che contiene l'intimazione ad adempiere l'obbligo risultante dal ruolo entro cinque giorni".

Fisco: iscrizione ipotecaria nulla in mancanza di avviso

Quando, invece, l'amministrazione finanziaria intenda iscrivere ipoteca sui beni del contribuente, il contraddittorio con quest'ultimo è imposto dagli artt. 41 (diritto ad una buona amministrazione), 47 (diritto ad un ricorso effettivo) e 48 (diritto di difesa) della Carta dei diritti fondamentali della Unione europea (Carta di Nizza), la quale, come noto, ai sensi dell'art. 6, paragrafo 1, primo comma, del Trattato sull'Unione europea (nel testo consolidato risultante dalle modifiche apportate dal Trattato di Lisbona, ratificato e reso esecutivo con L. 130/2008), ha lo stesso valore giuridico dei Trattati istitutivi dell'Unione Europea, come confermato anche dalla giurisprudenza di legittimità.

L'amministrazione finanziaria, prima di iscrivere ipoteca sui beni del contribuente, dovrà dunque avvertirlo che procederà alla suddetta iscrizione, e concedergli trenta giorni per presentare osservazioni od effettuare il pagamento. E tale onere è richiesto a pena di nullità.

Nel caso di specie la Corte d'appello ha ritenuto nulla l'iscrizione ipotecaria, non già perché non preceduta dalla notifica dell'avviso di mora (di cui all'art. 50, comma secondo, d.P.R. 602/73), ma perché non preceduta dall'informazione dell'imminente compimento dell'atto, e dalla fissazione del termine di 30 giorni per adempiere o presentare osservazioni, come stabilito dalle Sezioni Unite di Cassazione.