Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

Taglio delle emissioni di CO2 del 35% per le vetture e del 30% per i van che circolano nell’Unione europea entro il 2030. È questa l’intesa raggiunta dai ministri dell’ambiente riuniti a Lussemburgo. Lo ha annunciato la presidenza austriaca dell’Ue che ha lavorato per raggiungere il compromesso. Nel complesso, 20 Paesi hanno votato a favore, 4 contro e 4 si sono astenuti. Hanno criticato il compromesso Irlanda, Lussemburgo, Slovenia, Danimarca, Svezia e Olanda.

 

Cominceranno già domani i nuovi negoziati con il Parlamento Ue(che ha chiesto un taglio del 40%) e la Commissione Ue (che ha proposto invece il 30%) per stabilire la soglia finale del taglio. In questo modo l’Ue riuscirà ad arrivare pronta per la conferenza Onu sul clima a Katowice tra due mesi, dove si dovrà definire la messa in pratica dell’accordo di Parigi. “Sono soddisfatto, con questo approccio generale potremo rispettare gli accordi presi a Parigi“, ha dichiarato il commissario Ue al clima Miguel Arias Canete.

La decisione però scontenta le associazioni ambientaliste, rappresentate dalla Transport&Environment, secondo la quale questa decisione penalizza molto l’obiettivo europeo previsto per il 2030 e accentua pericolosi cambiamenti climatici.

17 paesi rappresentati più della metà della popolazione europea, originariamente chiedevano per raggiungere i target previsti un taglio del 40%. La Germania e i paesi Visegrad hanno invece spinto per un taglio del non più del 30%. La Danimarca, l’Irlanda, il Lussemburgo, l’Olanda, la Slovenia e la Svezia hanno espresso il loro disappunto nei confronti della posizione approvata e hanno dichiarato che chiederanno obiettivi più alti durante il negoziato con il Parlamento.

Greg Archer, di Transport &Evironment, dichiara: “la decisione dei governi europei è deludente per il pianeta. Dimostra infatti quanto lontani siano la Commissione e alcuni paesi dal mettere in primo piano il clima rispetto agli interessi dei costruttori di auto”.