Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

di Lucia Izzo

Ok del Consiglio di Stato sullo "Schema di Regolamento recante la definizione del contratto base, di assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore" ex art. 22 del decreto-legge n. 179/2012, convertito con modificazioni dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221.

 

Nel suo parere del 2 luglio 2018, n. 1686 la sezione Consultiva per gli Atti Normativi ha dunque affrontato e scandagliato alcune tematiche sottese alla riforma del mercato delle assicurazioni esprimendosi favorevolmente sullo schema di regolamento approntato dal Ministero dello Sviluppo Economico, in particolare per quanto riguarda i cosiddetti "contratti base" R.C.

Contratti base RC auto: l'ok del Consiglio di Stato

Il parere si sofferma, in particolare, su quanto previsto dall'articolo 22, comma 4, del decreto-legge n. 179/2012 che rimette a un decreto del MISE, sentiti l'IVASS, l'Associazione nazionale tra le imprese assicuratrici-ANIA, le principali associazioni rappresentative degli intermediari assicurativi e le associazioni dei consumatori maggiormente rappresentative, la definizione del c.d. "contratto base" di assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore e dei natanti.

Tale contratto base, che riguarderà unicamente le polizze per i consumatori, dovrà contenere le clausole minime necessarie ai fini dell'adempimento dell'obbligo di legge, e dovrà essere articolato secondo classi di merito e tipologie di assicurato. Lo stesso decreto inoltre, definirà i casi di riduzione del premio e di ampliamento della copertura applicabili allo stesso contratto base.

Oltre a riportare anche le garanzie aggiuntive previste dalla norma, sarà consentito alle compagnie assicurative di aggiunge altre coperture all'interno del contratto base e l'utente potrà facilmente operare un confronto tra le polizze.

Contratti base RC: fuori gli autocarri, dentro i ciclomotori

La Sezione prende atto della specifica "urgenza regolatoria di un contratto base della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore" e osserva come lo schema di regolamento limiti la normazione ai soli veicoli ad uso privato dei consumatori espungendo gli autocarri e comprendendovi, invece, i ciclomotori.

Tale conclusione, secondo il Consiglio di Stato, è corretta. All'uopo, la Sezione richiama l'art. 132-bis, comma 3 del Codice delle assicurazioni private secondo cui l'IVASS adotta norme attuative del contratto base relativamente alle "autovetture" e ai "motoveicoli", e queste categorie di veicoli non comprendono ai sensi degli articoli 52, 53 e 54 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 (Codice della strada) i ciclomotori.

L'inclusione dei ciclomotori, dunque, è corretta perché il citato articolo 132-bis, comma 3, non riguarda il presente contratto base, ma le norme attuative successive; mentre relativamente al contratto base all'articolo 22, comma 4, del decreto-legge n. 179/2012 e l'articolo 132-bis, comma 1, del Codice delle assicurazioni private si riferiscono a tutti i veicoli a motore, quindi anche ai ciclomotori.