Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE.

 

L’attività assicurativa del comparto auto fra il 2013 e il 2018 secondo gli ultimi dati Ivass. Il pagamento medio del sinistro ammonta a 2566 euro

Nel 2018 il comparto auto ha raccolto oltre 16.000 milioni di euro di premi. Oltre 39 milioni sono le vetture assicurate e gli incidenti denunciati sono in calo del 2,3% rispetto all’anno precedente.

L’attività assicurativa nel comparto auto fra il 2013 e il 2018 è al centro dell’ultimo bollettino statistico dell’Ivass, l’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni.

 

I numeri

L’anno scorso dunque il comparto auto (r.c. auto e garanzie accessorie non obbligatorie) ha raccolto 16.219 milioni di euro di premi pari al 49% del totale dei rami danni.

Nel dettaglio del ramo rc auto e natanti, l’Ivass sottolinea che le 42 imprese del settore hanno raccolto 13.252 milioni di euro, confermando una sostanziale stabilità rispetto al 2017, dopo 6 anni di flessione.

Gli autoveicoli assicurati nel 2018 sono stati 39,3 milioni, in aumento dello 0,4% rispetto al 2017.

L’utile del ramo, che deriva anche dall’attività finanziaria e dalla riassicurazione passiva, è stato di 459 milioni di euro, in riduzione rispetto ai 696 del 2017.

Il numero di sinistri denunciati con seguito è stato di circa 2.134 migliaia (-2,3% rispetto al 2017) mentre il pagamento medio del sinistro, prosegue l’Ivass, segna un ritocco al rialzo: ammonta infatti a 2.566 euro in aumento del 4,4% rispetto al 2013.

Il premio medio per polizza emessa si è infine attestato a 337 euro, in flessione rispetto al 2017 (–1,7% considerando l’inflazione).