Home

Ultime notizie

Cerca


 


Uno dei nostri obiettivi è diventare il TUO punto di riferimento!

Se non conosci i tuoi diritti, se non sai come farli valere, se hai problemi con

la Pubblica Amministrazione o con i gestori dei servizi pubblici,

l' U.N.C. ti offre assistenza legale, fiscale e consigli utili, tutelandoti in tutte le sedi,

anche giudiziarie,conciliative,tributarie ...

L' UNIONE fa la forza se dai forza all'UNIONE



 
Stampa
 
Stampa

USURA BANCARIA - Accertamento e Risarcimento

 

 
Stampa
 

TARES: LA NOTA DEL COMUNE E' UNA NOTA STONATA, L'UNC INVITA ALLA PRECAUZIONE ANCHE PER IL CARNEVALE

 
SUI CONTRIBUTI DEI CONSORZI DI BONIFICA UNC CALABRIA INOLTRA DENUNCIA ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA Stampa
 Vuol vederci chiaro l’Unione Nazionale Consumatori Calabria in un campo in cui la confusione regna sovrana,  per tale motivo afferma l’avv.Saverio Cuoco presidente regionale dell’associazione, nei prossimi giorni inoltreremo un esposto-denuncia alla Procura della Repubblica per le ipotesi di reato che potrebbero concretizzarsi in estorsione e/o truffa ai danni dei cittadini che puntualmente ed annualmente si vedono recapitare richieste di pagamenti di contributi consortili che non hanno alcun fondamento.

Occorre un riordino dei Consorzi di Bonifica ed eliminare un tributo che si è trasformato negli anni in una "tassa iniqua", "una gabella", "una ingiustificata e incomprensibile azione “vessatoria" nei confronti dei cittadini che, dai più, è paragonata ad una estorsione “legalizzata”.

Non si può assolutamente tollerare che esistano enti che negli anni continuano a chiedere tributi e balzelli non legittimi ai cittadini che, invece, vanno tutelati soprattutto in una fase di recessione economica dove sono tantissimi a non arrivare a fine mese, da anni la questione del tributo dovuto ai Consorzi di Bonifica è oggetto di molti contenziosi, innumerevoli ricorsi vengono presentati dai contribuenti e non solo in Calabria, ma in tutta Italia e da più parti arrivano proposte di legge che ne chiedono l’abolizione o la rivisitazione di questi enti.

Leggi tutto...
 
STORICA SENTENZA DELL'UNC SUI CONTRIBUTI DEI CONSORZI DI BONIFICA: "NESSUN PAGAMENTO SENZA BENEFICI" Stampa
 E’ quanto sostenuto da sempre dall’Unione Nazionale Consumatori Calabria, con articoli pubblicati sulla stampa locale, nel 2009, nel 2010 e nel 2013, anche se adesso a ribadirlo, interviene la Commissione Tributaria Provinciale di Reggio Calabria, con una sentenza che può definirsi senza alcun dubbio “storica” e che sicuramente avrà ricadute positive sui successivi ricorsi in materia di contributi consortili.

Il ricorrente, in data 22.11.2012 notificava al Consorzio di Bonifica Tirreno Reggino e alla SO.G.E.T.  S.p.A. ricorso, che depositava presso la Commissione Tributaria Provinciale di Reggio Calabria, avverso sollecito di pagamento del contributo consortile, deducendo il difetto di motivazione dell'atto, l’infondatezza della pretesa e pertanto l’annullamento dello stesso.

Il Consorzio di Bonifica Tirreno Reggino si costituiva in giudizio con memoria depositata, chiedendo che fosse affermata la fondatezza della pretesa del pagamento e  la legittimità del proprio operato, sostenendo che: “in virtù dell’art. 23 della legge regionale 11/2003, comma 1 lett. a, il contributo consortile è dovuto per le spese afferenti il conseguimento dei fini istituzionali dell’Ente indipendentemente dal beneficio fondiario”.

Di tutt’altro avviso la tesi sostenuta dall’Avv. Giuseppe Cotroneo, legale dell’Unione Nazionale Consumatori Calabria, il quale in un’articolata memoria difensiva a tutela del ricorrente e richiamando varie sentenze in merito, ha ribadito la illegittimità della pretesa di pagamento del contributo consortile rivendicato dal Consorzio di Bonifica, sul presupposto che nessun beneficio o miglioria era stato arrecato al terreno di proprietà dello stesso. 

Leggi tutto...
 
BOLLETTE DELL'ACQUA: LE SENTENZE SPETTANO AI GIUDICI Stampa
 Un antico proverbio recita: “ non c’è peggior sordo di chi non vuole sentire”, ed è proprio ciò che sta avvenendo in questi giorni in città, in merito alle bollette/fatture recapitate ai cittadini, sostiene l’Avv. Saverio Cuoco presidente regionale dell’Unione Nazionale Consumatori Calabria, si continuano infatti a chiedere importi spropositati sia in relazione alla qualità dell’acqua erogata, sia adottando nella stragrande maggioranza dei casi, criteri presuntivi illegittimi che non tengono conto assolutamente dell’effettivo consumo della stessa.

A tale riguardo, non è dato sapere, al di fuori di alcune zone ben individuate di Archi, Catona e Pellaro, dove vigono le ordinanze di non potabilità dell’acqua, i valori accertati nelle altre zone e vie del comprensorio Reggino, poiché non solo non è stata mantenuta la promessa della terna Commissariale, pur esternata in presenza di diversi rappresentanti della associazioni dei consumatori, di prorogare il precedente dimezzamento del canone idrico approvato qualche anno addietro e per diverse strade della città, ma soprattutto conoscere, che tipo di liquido i consumatori reggini sono  costretti a bere, o a utilizzare per le proprie esigenze personali.

Leggi tutto...
 
BOLLETTE DELL'ACQUA: UNA STORIA SCONVOLGENTE, UNC E ADICONSUM VALUTANO IPOTESI DI REATO Stampa

Le bollette dell’acqua recapitate in questi giorni sono diventate un vero e proprio incubo per molte famiglie Reggine, infatti 600, 700, 900 ed oltre 1.000 euro è l’importo richiesto dal Comune di Reggio Calabria ad una famiglia media sia per l’erogazione dell’acqua che gran parte dei cittadini è costretta ad acquistare o prelevare dalle fontane pubbliche, sia per il servizio di depurazione, nonostante in quasi tutto il litorale della città vi sia il divieto di balneazione.

Quanto sta accadendo nella nostra città, sostengono Saverio Cuoco, presidente regionale dell’Unione Nazionale Consumatori Calabria e Saverio Vespia presidente provinciale dell’Adiconsum, Reggio Calabria, ha dell’incredibile, estenuanti file presso gli sportelli della RE.G.E.S. costringono molti cittadini desiderosi di ottenere chiarimenti sulle bollette o a volerle pagare, ad uno stress psico-fisico insopportabile, considerato anche il clima torrido di questi giorni ed anche se la data di scadenza della prima rata di pagamento o del pagamento in un’unica soluzione è stata prorogata al 21 Luglio 2014, errori manifesti si riscontrano in molte bollette/fatture dell’acqua, tra cui la dicitura “utenza uso commerciale in luogo di uso residenziale o utenza non residenziale in luogo di uso residenziale”, nonchè la fatturazione arbitraria dei consumi su criteri solo presuntivi, non dalla data di stipula del contratto e dall'apposizione del relativo contatore, ma dalla data di residenza nell'abitazione, che fanno ulteriormente ed illegittimamente aumentare gli importi richiesti,
Inoltre non si è tenuto in alcun conto, della recente sentenza emessa dal Giudice di Pace di Reggio Calabria, su ricorso dell’Unione Nazionale Consumatori Calabria, con la quale è stata dichiarata l’illegittimità del pagamento della integrazione dell’acqua corrisposta dagli utenti nell’anno 2013 con riferimento al 2012, a proposito della quale l’associazione aveva chiesto di compensare tali importi, con le bollette/fatture successive.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Dammi un consiglio!



SERVIZIO GRATUITO


CENTRO DIFESA DEL MALATO

 
 
UN AVVOCATO A CASA TUA 

SERVIZIO PER DISABILI


Iscriviti per le notizie