Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

L’appuntamento con spiagge e costumi da bagno impone a molti una revisione quasi radicale degli stili di vita assunti durante l’inverno per lasciare il posto ad abitudini “detox”. Largo dunque ad un’alimentazione sana, almeno 2 litri d’acqua al giorno, camminate a piedi o in bicicletta: vecchi trucchetti, che si confermano rimedi sempre attuali e validi alleati per affrontare la remise en forme in vista dell’estate. Grandi quantità di verdure a foglia verde ma non solo.

Secondo un’indagine della piattaforma Cortilia, leader nella vendita e distribuzione online di prodotti alimentari freschi, per perseguire l’obiettivo del miglioramento della propria forma fisica, molto apprezzati sono anche gli agrumi, col 23% dei voti, e lo zenzero, al quale il 22% riconosce poteri digestivi e antinfiammatori.

“Riscontriamo una notevole crescita dell’attenzione verso il cibo genuino e soprattutto l’importanza di portare in tavola prodotti di stagione per godere del sapore autentico della materia prima”, affermano da Cortilia, “Gli italiani oggi prestano maggiore attenzione al mangiare sano e arricchire la propria dieta quotidiana di cibi e prodotti controllati, facendo attenzione alla filiera e all’artigianalità della ricetta. Possiamo dire che oggi c’è maggiore consapevolezza di ciò che si serve in tavola, anche grazie alle ultime leggi che tutelano il consumatore e spingono lo stesso a leggere con attenzione le etichette dei prodotti. Aumentata anche la tendenza verso la scelta di prodotti biologici, sempre in linea con il trend di una maggiore attenzione verso la propria salute e dei propri familiari”.

Quali sono i nuovi ingredienti della dieta a cui gli italiani non riescono più a rinunciare?

“Indubbiamente lo zenzero, che è entrato in maniera preponderante nell’alimentazione degli italiani. E poi la frutta secca e i semi: mandorle, noci, semi di zucca, semi di girasole, semi di lino…etc. sono molto più richiesti rispetto a prima, perché c’è più consapevolezza dei benefici che apportano all’organismo”.

“Un prodotto che sicuramente ha avuto un vero proprio boom in questi ultimi anni è l’avocado: un prodotto divenuto molto di moda, consumato con il pesce crudo, con coloratissimi avocado toast, è ad ogni modo un concentrato di fibre e grassi buoni che è sempre meglio non far mancare sulle nostre tavole. Ma anche i formaggi “del contadino” e le uova “delle galline felici”: l’idea di acquistare un prodotto non industriale tranquillizza il consumatore, che ne riconosce la differenza nella lavorazione e nel sapore”.

Dall’indagine di Cortilia emerge anche l’affermazione del trend dei “superfood”, ovvero di tutti quegli alimenti di origine vegetale con un grande apporto di nutrienti e proprietà benefiche e quindi molto salutari per l’uomo, come ad esempio le bacche di goji, i semi di chia, i semi di lino, la curcuma. Oltre la metà degli intervistati – il 55,6% – dichiara infatti di essere molto interessato a questo argomento, di essere incuriosito e di volere provare: ne hanno sentito parlare e si sono documentati, ora è il momento di passare all’azione.

“L’Italia è tra i più grandi estimatori di superfood e in generale di tutti quei cibi considerati benefici per l’organismo. La penisola è prima tra i grandi Paesi europei per il consumo di bacche di goji (16% degli intervistati contro meno del 6% in Germania, Gran Bretagna e Spagna), e più del 27% consuma un’altra bacca molto amata, ovvero il mirtillo. Molto consumati perché considerati benefici anche il tè verde, la frutta secca come noci, mandorle, semi di zucca o di girasole, e i semi di chia”, sottolineano i responsabili della piattaforma.

“Nel corso del 2017 le vendite in Italia di noci, mandorle e nocciole hanno registrato un incremento del 10%. Il re indiscusso resta comunque lo zenzero, le cui vendite sono più che raddoppiate nell’ultimo anno. Ma non è il solo ad aver registrato ottimi risultati. Si trova infatti in buona compagnia insieme al farro (che registra una crescita del fatturato del 20,4%) e alla quinoa, con una crescita annua a valore del 63,5%. Per non parlare del super trendy avocado, che nell’ultimo anno ha registrato un aumento nelle vendite del 20%”.