Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Non pagano diritti doganali le piccole spedizioni di merci prive di carattere commerciale inviate da un privato che si trova nel territorio doganale dell’Unione europea.

“Multe automobilistiche prescritte o annullate dai giudici di pace; bolli auto prescritti, giá pagati o non dovuti; tasse di smaltimento rifiuti richieste erroneamente ai proprietari anziché agli affittuari: da giugno ad oggi sono state notificate 1,6 milioni di cartelle pazze, con conseguenti ipoteche sugli immobili, ganasce fiscali su auto e moto, pignoramenti di stipendi e di conti correnti bancali e postali.

Secondo il “Rapporto annuale del contribuente 2008” realizzato da Contribuenti.it il 67% degli italiani utilizza la tredicesima per pagare i debiti con il fisco. Le restanti percentuali, invece destinano la tredicesima mensilità per fare regali, e precisamente il 14%. Il 12%, infine, per pagare mutui, assicurazioni e tasse locali.

Benzina, energia elettrica e metano: sarebbero queste le tasse più odiate dagli italiani. Secondo infatti un recente studio di Contribuenti.it, gli italiani odiano profondamente queste tasse. Al secondo posto il canone Rai. Si aggiudica la medaglia di bronzo la Tarsu/Tia.A seguire il canone di depurazione di acque reflue, i ticket sanitari, l’ici. Al settimo posto le tasse di concessioni governative e l’imposta sul bollo. Chiudono la classifica l’iva, l’irap e le imposte sui redditi.

Le tasse locali segneranno +4,6% nel 2009, e quelle statali +0,4%. Lo rivela uno studio che sara' pubblicato a gennaio da Contribuenti.it.

Conto alla rovescia per il saldo dell'Ici: il saldo 2008 deve essere pagato entro martedi' 16 dicembre. L'imposta comunale sugli immobili, da quest'anno cancellata sulla casa di abitazione, sopravvive infatti sulle seconde case e sugli immobili di pregio (case signorili, ville e castelli).

Abolita l’ICI, c’è al Governo chi propone di sostituirla con una generica tassa sui servizi comunali. E’ chiaro che diventerebbe una partita di giro, anzi una presa in giro, ma il peggio è che non si capisce a quali servizi ci si riferisce. All’illuminazione pubblica? Alle fontanelle? Alla segnaletica stradale? Allo spazzamento delle vie, che già si paga con una quota della TARSU? L’inventiva fiscale non ha limiti, come dimostrano gli esempi passati.