Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Una valanga di avvisi di fermi macchine da parte di Equitalia ETR S.p.A. si è riversata nelle famiglie Reggine con  intimazioni a pagare somme relative a bolli auto, tributi locali, multe stradali e quant’altro, con avvertimento che in caso contrario oltre al fermo amministrativo, si procederà anche al pignoramento dello stipendio o pensione se lavoratori dipendenti o pensionati o perfino all’ipoteca di case senza neppure rispettare, tra le tante norme violate, il limite normativo di 8.000 euro, previsto dall'art. 76 del D.P.R. n. 602/1973".
"Chi si ritrova la casa pignorata per poche migliaia di euro, rischia di vedersi chiudere il fido in banca, di non poter chiedere mutui o prestiti, di non poter vendere l' immobile e di perdere affari in corso; così finisce con il pagare per sfinimento, anche se ha ragione e lo ha già dimostrato vincendo a volte il relativo ricorso.
L’Unione Nazionale Consumatori Calabria, invita tutti i contribuenti che hanno ricevuto cartelle pazze, illegittime iscrizioni di fermi o di ipoteca a contattare l'associazione per la tutela dei propri diritti. L'Associazione, inoltre, ricorda di non buttare alcun foglio del provvedimento notificato e di conservare la busta contenente il timbro postale, e di affrettarsi ad impugnare il provvedimento ritenuto illegittimo perché in alcuni casi il termine per ricorrere è di appena 20 giorni dalla notifica dello stesso.