Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Se il bollo auto cade in prescrizione il contribuente non è più tenuto a pagarlo. I termini di prescrizione sono di 3 anni, sia nel caso in cui sia stato notificato entro i termini un avviso di accertamento, sia quando nei 3 anni successivi non sia stato inviato alcun atto interruttivo della prescrizione si legge su guidafisco.it. Da quando si calcolano i 3 anni? Si cominciano a contare dall'anno successivo a quello in cui doveva essere effettuato il versamento.

Questo concetto, è stato di recente ribadito dalla sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Bari, sentenza n. 3647/04/15, che ha confermato che nel caso in cui nei successivi 3 anni dalla ricezione di un avviso di accertamento, non vengono notificati ulteriori atti finalizzati alla riscossione, l’omesso versamento del bollo auto è prescritto sebbene il debito risulti iscritto a ruolo e sia presente nell’estratto conto Equitalia.

Da ciò si evince che se il proprietario dell’auto omette di pagare la tassa automobilistica ad esempio nel 2010 e gli viene notificato un avviso di accertamento a settembre 2013, il bollo auto cade in prescrizione dopo il 31 dicembre 2016, ossia, dopo altri 3 anni dall’ultimo avviso notificato e dopo 61 giorni consecutivi dalla suddetta notifica.

Se però la cartella di pagamento Equitalia o di altro agente della riscossione, è notificata nel corso del 2016, il bollo non è prescritto e il proprietario del veicolo deve pagare l’omessa tassa automobilistica. Se invece la cartella è emessa a partire dal 1° gennaio 2017, il bollo è prescritto.

In pratica i tempi di prescrizione del bollo auto sono: decorsi 3 anni successivi all’anno in cui doveva essere effettuato il versamento, per cui se il bollo omesso è quello di marzo 2010, il calcolo dei 3 anni parte dal 1° gennaio 2011 e scade il 31 dicembre 2013.

Esempio di calcolo tempi prescrizione: se il bollo auto scade a dicembre 2015, il versamento può essere effettuato entro il 31 gennaio del 2016. Se la tassa però non viene pagata, il tempo per calcolare la prescrizione inizia dal 1 gennaio 2017 per poi scadere il 31 dicembre 2019. Se nel frattempo Equitalia, o altri Enti preposti alla riscossione, provvedono a far notificare al proprietario del veicolo un avviso bonario o una cartella di pagamento, diciamo nel corso del 2017, ecco che il 31 dicembre 2019 non è più la data di scadenza della prescrizione bollo auto 2014 ma lo sarà il 31 dicembre 2021, in quanto i 3 anni si ricalcolano da capo partendo dalla data di notifica della cartella 2017. Discorso diverso invece, se lo stesso avviso per il mancato pagamento arriva oltre il 31 dicembre 2019. Infatti, dal 1° gennaio 2020 il cittadino non deve più pagare il vecchio bollo in quanto caduto in prescrizione.